Enzo Trapani – Stryx (1978) – C’era una volta la tv 2

stryx

   In una serie dedicata alla tv non poteva mancare Enzo Trapani, regista, autore televisivo, scenografo, morto suicida il 14 novembre 1989 a 57 anni. Per le innovazioni artistiche e tecniche, l’innegabile dote di talent scout e la capacità di cogliere le trasformazioni del costume e del gusto, Enzo Trapani merita più “puntate” all’interno del blog, nella speranza di poter convincere i lettori che molti protagonisti della recente e attuale programmazione televisiva sono debitori di un genio creativo troppo presto dimenticato.

   Laureato in Architettura, Enzo Trapani iniziò a lavorare subito dopo la guerra nel mondo del cinema come scenografo, costumista e poi come assistente regista di Roberto Rossellini e René Clair. Il debutto alla regia cinematografica avvenne nel 1949 dirigendo Marakatumba ma non è una rumba, film con Renato Rascel. Successivamente approdò alla neonata televisione imponendosi di volta in volta per l’originalità delle sue scelte registiche e scenografiche: trasmissioni quali Alta Pressione (1962), Senza Rete (1968-72), Hai visto mai? (1973), Rete Tre (1976) e Il guazzabuglio (1976) prepararono il campo per le grandi realizzazioni della tv a colori e dei nuovi linguaggi mediatici e tecnici introdotti dalla riforma del sistema radiotelevisivo nazionale del 1975. Con Non stop (1977-78) Trapani si affermò definitivamente creando uno stravolgimento del consueto varietà televisivo, che da allora non fu più lo stesso.

   Stryx è stato il fiore all’occhiello della produzione di Enzo Trapani, uno spettacolo in sette puntate trasmesso dalla RAI la domenica sera sulla Rete Due a partire dal 15 ottobre 1978 (la settima puntata fu sospesa in seguito alle proteste dei vertici della RAI per i contenuti “forti” ritenuti al limite della pornografia e del vilipendio alla religione). Il titolo già richiamava lo strige, uccello leggendario dall’aspetto di un gufo, antesignano del moderno vampiro, presente nelle tradizioni pagane e poi recuperato nel Medioevo dando vita alla figura della strega. Gli autori, Alberto Testa, Carla Vistarini e lo stesso Trapani, si basarono proprio su queste tradizioni per confezionare un programma rivoluzionario in cui il satanismo e l’erotismo erano un pretesto linguistico contro la tirannia dei consueti varietà d’intrattenimento del sabato e della domenica sera. La vivace scenografia, opera di Ennio Di Maio, fu concepita per ospitare questo sabba multicolore figlio della psichedelia e della discoteca anni ’70, gli stessi costumi (di Gianna Sgarbossa) molto appariscenti e variopinti si alternavano alle nudità femminili appena velate o addirittura esibite. In questo ambiente, illuminato da luci stroboscopiche e invaso da fumi, partecipavano anche numerosi animali reali: scimpanzé, leonesse, anatre, galli da combattimento, pavoni, falchi, gatti, cani, pappagalli. Tony De Vita, autore delle musiche originali, nel realizzare dei temi molto evocativi trasse ispirazione presumibilmente dalla tradizione francese di fine Ottocento di autori come Berlioz, Dukas e Saint-Saëns (la sigla d’apertura rammenta qualche accordo della Danse Macabre del compositore parigino). I protagonisti, con relativa qualifica, furono: Tony Renis (Philoconduttore), Angelo Branduardi (Folletto), Grace Jones (Rumstryx), Gal Costa (Stryx Do Brasil), Asha Puthli (Indian Stryx), Amanda Lear (Sexy Stryx), Patty Pravo (Subliminal Stryx), Anna Oxa (Stereo Stryx), Mia Martini (Gipsy Stryx), Ombretta Colli (Ludmilla, strega alla camomilla), Walter Valdi (il rospo Franz), Rockets (Cosmodiavoli). A completare il cast c’erano Gianni Cajafa (specialista napoletano di superstizione che esordisce con la frase “Corna, cornino, cornone, cornetta, scaccia la iella in maniera perfetta!”), Corrado Lojacono (maestro cerimoniere che introduce la schiera dei diavoli, presieduti da Lucifero imperatore, come se fosse una lista dei ministri di un governo) e Hal Yamanouchi, mimo giapponese. Insomma, un programma di settanta minuti a puntata ricco di ritmo, colori, esibizioni musicali di artisti molto in voga all’epoca, citazioni in italiano pseudo-medievale o in latino, il tutto condito con effetti speciali quali il croma-key e l’utilizzo di riprese che distorcevano o triplicavano le immagini. Evidentemente, oltre ai ben noti problemi legati all’uso dei contenuti non proprio ortodossi, questo stile sperimentale molto in anticipo sui tempi non fu gradito dalla dirigenza RAI, che per suoi limiti culturali non ebbe la capacità di comprendere gli sviluppi futuri del mezzo televisivo. Enzo Trapani era stato profeta di un nuovo genere, ciò nonostante l’azienda di Stato non solo non gli fu riconoscente ma addirittura lo relegò nell’ombra impedendogli in sostanza di lavorare. Fu questo uno dei motivi che portò il regista alla depressione e poi al suicidio.

© Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Televisione. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Enzo Trapani – Stryx (1978) – C’era una volta la tv 2

  1. Marco Nizzoli ha detto:

    Ah,che bei ricordi di una televisione più sana di mente!Vorrei che riproponessero questo bellissimo programma,con ottima coreografia,scenografia,tematica,ironia e satira,con ottimi artisti!Ah carisssime Amanda,e Grace,e tanti altri come la compiantaMia Martini!C’è bisogno del bel varietà televisivo ,dove si rideva,lo si guardava più volentieri,tutti grandi e piccini!Ora che cosa è successo,tutto è schifezza,in tv nn si parla d’altro che di uccisioni,violenza,e litigi vari!Puah!Meglio spegnerla!Faccio richiesta che il varietà stryx venga riproposto,con tutte le sette puntate!Basta le solite cagate insopportabili!Un saluto,Marco,e auguri di buon proseguimento di festività!Ciao!

    • Grazie Marco per il bel commento e auguri per l’anno nuovo! Il mio era soprattutto un omaggio a un grande regista televisivo, Enzo Trapani, dimenticato dalla Rai e morto suicida in preda alla depressione. Tra parentesi, “Stryx” all’epoca fu nominata miglior trasmissione europea dell’anno, venne premiata per l’originalità, le innovazioni tecniche. Non ci sono più autori, registi, attori come questi, adesso un Flavio Insinna o un altro signor nessuno si prendono la prima serata solo perché raccomandati… Che tristezza! Pensare che venivano da tutto il mondo a studiare gli studi televisivi italiani perché eravamo all’avanguardia, adesso sappiamo solo copiare, e male, le trasmissioni altrui… O tempora o mores!

  2. Carla ha detto:

    Salve Marco, ho letto solo ora questo articolo. Grazie per l’accuratezza e l’affetto nell’esposizione. Da uno degli autori di Stryx.
    Carla Vistarini

    • Cara Carla Vistarini, sono io a ringraziare per l’onore che lei mi fa con questo commento. Credo che chi ha progettato, scritto e realizzato opere come “Stryx” abbia dimostrato di essere semplicemente geniale e precursore di eventi televisivi che ancora oggi tengono banco. Avevo 14 anni quando vidi la trasmissione e ne mantengo un ricordo vivissimo. Lei, Enzo Trapani e Alberto Testa avete scritto la storia della televisione, peccato che la RAI non se lo ricordi molto… Un carissimo saluto, un ringraziamento di cuore e auguri di buone feste.
      Con stima e riconoscenza.
      Marco Vignolo Gargini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...