Pompei 40 anni dopo

Era il 5 aprile 1980, mi trovavo in gita con il mio Liceo a Pompei e scattai qualche foto con la mia modesta Agfamatic 50. Quarant’anni dopo vedo la stessa scena in città apparentemente vive. Effetto Covid19. Mai mi sarei immaginato di dover vivere in una situazione del genere. Eppure, eccoci qua… Un saluto a tutte le persone che passano di qui, un abbraccio virtuale. Forza e coraggio!

Pubblicato in Media e comunicazione, Sisohpromatem | 1 commento

Giuseppe Gioachino Belli (1791– 1863) XXII

1344. La sovranezza

Regazzi, io ggià da jjeri ve l’ho ddetto:

ve l’ho avvisato puro  stammatina:

ve l’aripeto mó: zzitti, per dina:

li sovrani portateje rispetto.

Fijji, abbadat’a vvoi, c’ortre ar proscetto

de Santa Cchiesa e a la Lègge divina,

c’è er guaio de la Santa quajjottina,

si è ppoco la galerra e ’r cavalletto.

Je casca a un omo una corona in testa?

Ecchelo in faccia a li veri cristiani

diventato er ziggnore de la festa.

Perché, ccome li soggni de la notte

sò immaggine 6 der giorno, li sovrani

sò immaggine de Ddio guaste e ccorrotte.

31 ottobre 1834

Pubblicato in Letteratura, Libri, Poesia | Lascia un commento

Domenico di Giovanni, detto il Burchiello (1404 – 1449) XXV

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Circus

Immagine | Pubblicato il di | 2 commenti

Coronavirus will stop 2

Or tu chi se’, che vuo’ sedere a scranna,
per giudicar di lungi mille miglia
con la veduta corta d’una spanna?

Dante, Paradiso, XIX, 79-81.

È proprio l’uso delle maschere che sta smascherando un bel po’ di individui. Come dire, tutti i nodi vengono al pettine. Orbene, a coloro che in questo periodo si ergono a fari di saggezza e saturano il web di “riflessioni” ovvie, banali, mediocri, dedichiamo i famosi versi di Dante del Paradiso. Se c’è un elemento che il Covid19 ha confermato è l’idiozia elefantiaca dei finti “savi” italioti. L’Italia ne ha prodotti e ne produce in quantità industriale, gente mediamente istruita che crede di poter intervenire sempre e comunque con le proprie quisquilie. Chi ha già spazio in tv o negli altri media di massa lo occupa ancora di più abusando dei neuroni altrui, chi non ne ha smania per produrre sui social la fandonia o le fandonie quotidiane. Il trionfo del disturbo narcisistico della personalità. Ci si chiede come saremo dopo la fine di questa avventura orribile… dovremo innanzitutto depurarci dalle montagne di tossine scaricate da questi opinionisti, da questi oligofrenici recentemente battezzati influencer. Per riprendersi dal diluvio di stupidità l’unica cura sarà il silenzio, un silenzio che duri il più possibile.

Pubblicato in Media e comunicazione | Lascia un commento

Album…

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Prévoyance

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento