Oscar Wilde, “Impressions of America”

OSCAR WILDE

IMPRESSIONI DELL’AMERICA

Ow

Traduzione dall’originale in inglese

Impressions of America

di Marco Vignolo Gargini

 

I fear I cannot picture America as altogether an Elysium — perhaps, from the ordinary standpoint I know but little about the country. I cannot give its latitude or longitude ; I can- not compute the value of its dry goods, and I have no very close acquaintance with its politics. These are matters which may not interest you, and they certainly are not interesting to me.

The first thing that struck me on landing in America was that if the Americans are not the most well-dressed people in the world, they are the most comfortably dressed. Men are seen there with the dreadful chimney-pot hat, but there are very few hatless men ; men wear the shocking swallow-tail coat, but few are to be seen with no coat at all. There is an air of comfort in the appearance of the people which is a marked contrast to that seen in this country, where, too often, people are seen in close contact with rags.

The next thing particularly noticeable is that everybody seems in a hurry to catch a train. This is a state of things which is not favourable to poetry or romance. Had Romeo or Juliet been in a constant state of anxiety about trains, or had their minds been agitated by the question of return-tickets, Shakespeare could not have given us those lovely balcony scenes which are so full of poetry and pathos.

America is the noisiest country that ever existed. One is waked up in the morning, not by the singing of the nightingale, but by the steam whistle. It is surprising that the sound practical sense of the Americans does not reduce this intolerable noise. All Art depends upon exquisite and delicate sensibility, and such continual turmoil must ultimately be destructive of the musical faculty.

There is not so much beauty to be found in American cities as in Oxford, Cambridge, Salisbury or Winchester, where are lovely relics of a beautiful age ; but still there is a good deal of beauty to be seen in them now and then, but only where the American has not attempted to create it. Where the Americans have attempted to produce beauty they have signally failed. A remarkable characteristic of the Americans is the manner in which they have applied science to modern life.

This is apparent in the most cursory stroll through New York. In England an inventor is regarded almost as a crazy man, and in too many instances invention ends in disappointment and poverty. In America an inventor is honoured, help is forthcoming, and the exercise of ingenuity, the application of science to the work of man, is there the shortest road to wealth. There is no country in the world where machinery is so lovely as in America.

I have always wished to believe that the line of strength and the line of beauty are one. That wish was realised when I contemplated American machinery. It was not until I had seen the water-works at Chicago that I realised the wonders of machinery ; the rise and fall of the steel rods, the symmetrical motion of the great wheels is the most beautifully rhythmic thing I have ever seen. One is impressed in America, but not favourably impressed, by the inordinate size of everything. The country seems to try to bully one into a belief in its power by its impressive bigness.

I was disappointed with Niagara — most people must be disappointed with Niagara. Every American bride is taken there, and the sight of the stupendous waterfall must be one of the earliest, if not the keenest, disappointments in American married life. One sees it under bad conditions, very far away, the point of view not showing the splendour of the water. To appreciate it really one has to see it from underneath the fall, and to do that it is necessary to be dressed in a yellow oil-skin, which is as ugly as a mackintosh — and I hope none of you ever wears one. It is a consolation to know, however, that such an artist as Madame Bernhardt has not only worn that yellow, ugly dress, but has been photographed in it.

Perhaps the most beautiful part of America is the West, to reach which, however, involves a journey by rail of six days, racing along tied to an ugly tin-kettle of a steam engine. I found but poor consolation for this journey in the fact that the boys who infest the cars and sell everything that one can eat — or should not eat — were selling editions of my poems vilely printed on a kind of grey blotting paper, for the low price of ten cents.* Calling these boys on one side I told them that though poets like to be popular they desire to be paid, and selling editions of my poems without giving me a profit is dealing a blow at literature which must have a disastrous effect on poetical aspirants. The invariable reply that they made was that they themselves made a profit out of the transaction and that was all they cared about.

It is a popular superstition that in America a visitor is invariably addressed as ” Stranger.*’ I was never once addressed as *’ Stranger.” When I went to Texas I was called ” Captain ” ; when I got to the centre of the country I was addressed as ” Colonel,” and, on arriving at the borders of Mexico, as ” General.” On the whole, however, ” Sir,” the old English method of addressing people is the most common. It is, perhaps, worth while to note that what many people call Americanisms are really old English expressions which have lingered in our colonies while they have been lost in our own country. Many people imagine that the term ” I guess,” which is so common in America, is purely an American expression, but it was used by John Locke in his work on “The Understanding,*’ just as we now use “I think.”

It is in the colonies, and not in the mother country, that the old life of the country really exists. If one wants to realise what English Puritanism is — ^pot at its worst (when it is very bad), but at its best, and then it is not very good — I do not think one can find much of it in England, but much can be found about Boston and Massachusetts. We have got rid of it. America still preserves it, to be, I hope, a short-lived curiosity.

San Francisco is a really beautiful city. China Town, peopled by Chinese labourers, is the most artistic town I have ever come across. The people — strange, melancholy Orientals, whom many people would call common, and they are certainly very poor — have determined that they will have nothing about them that is not beautiful. In the Chinese restaurant, where these navvies meet to have supper in the evening, I found them drinking tea out of china cups as delicate as the petals of a rose-leaf, whereas at the gaudy hotels I was supplied with a delf cup an inch and a half thick. When the Chinese bill was presented it was made out on rice paper, the account being done in Indian ink as

fantastically as if an artist had been etching little birds on a fan.

Salt Lake City contains only two buildings of note, the chief being the Tabernacle, which is in the shape of a soup-kettle. It is decorated by the only native artist, and he has treated religious subjects in the naive spirit of the early Florentine painters, representing people of our own day in the dress of the period side by side with people of Biblical history who are clothed in some romantic costume.

The building next in importance is called the Amelia Palace, in honour of one of Brigham Young’s wives. When he died the present president of the Mormons stood up in the Tabernacle and said that it had been revealed to him that he was to have the Amelia Palace, and that on this subject there were to be no more revelations of any kind !

From Salt Lake City one travels over the great plains of Colorado and up the Rocky Mountains, on the top of which is Leadville, the richest city in the world. It has also got the reputation of being the roughest, and every man carries a revolver. I was told that if I went there they would be sure to shoot me or my travelling manager. I wrote and told them that nothing that they could do to my travelling manager would intimidate me. They are miners — men working in metals, so I lectured to them on the Ethics of Art. I read them passages from the autobiography of Benvenuto Cellini and they seemed much delighted. I was reproved by my hearers for not having brought him with me. I explained that he had been dead for some little time which elicited the enquiry “Who shot him’*? They afterwards took me to a dancing saloon where I saw the only rational method of art criticism I have ever come across. Over the piano was printed a notice :

PLEASE DO NOT SHOOT THE PIANIST.

HE IS DOING HIS BEST.

The mortality among pianists in that place is marvellous. Then they asked me to supper, and having accepted, I had to descend a mine in a rickety bucket in which it was impossible to be graceful. Having got into the heart of the mountain I had supper, the first course being whisky, the second whisky and the third whisky.

I went to the Theatre to lecture and I was informed that just before I went there two men had been seized for committing a murder, and in that theatre they had been brought on to the stage at eight o*clock in the evening, and then and there tried and executed before a crowded audience. But I found these miners very charming and not at all rough.

Among the more elderly inhabitants of the South I found a melancholy tendency to date every event of importance by the late war. “How beautiful the moon is tonight,” I once remarked to a gentleman who was standing next to me. “Yes,” was his reply, “but you should have seen it before the war.”

So infinitesimal did I find the knowledge of Art, west of the Rocky Mountains, that an art patron — one who in his day had been a miner — actually sued the railroad company for damages because the plaster cast of Venus of Milo, which he had imported from Paris, had been delivered minus the arms. And, what is more surprising still, he gained his case and the damages.

Pennsylvania, with its rocky gorges and woodland scenery, reminded me of Switzerland. The prairie reminded me of a piece of blotting-paper.

The Spanish and French have left behind them memorials in the beauty of their names. All the cities that have beautiful names derive them from the Spanish or the French. The English people give intensely ugly names to places. One place had such an ugly name that I refused to lecture there. It was called Grigsville. Supposing I had founded a school of Art there — fancy “Early Grigsville.” Imagine a School of Art teaching “Grigsville Renaissance.”

As for slang I did not hear much of it, though a young lady who had changed her clothes after an afternoon dance did say that ”after the heel kick she shifted her day goods.”

American youths are pale and precocious, or sallow and supercilious, but American girls are pretty and charming — little oases of pretty unreasonableness in a vast desert of practical common-sense.

Every American girl is entitled to have twelve young men devoted to her. They remain her slaves and she rules them with charming nonchalance.

The men are entirely given to business ; they have, as they say, their brains in front of their heads. They are also exceedingly acceptive of new ideas. Their education is practical. We base the education of children entirely on books, but we must give a child a mind before we can instruct the mind. Children have a natural antipathy to books — handicraft should be the basis of education. Boys and girls should be taught to use their hands to make something, and they would be less apt to destroy and be mischievous.

In going to America one learns that poverty is not a necessary accompaniment to civilisation. There at any rate is a country that has no trappings, no pageants and no gorgeous ceremonies. I saw only two processions — one was the Fire Brigade preceded by the Police, the other was the Police preceded by the Fire Brigade.

Every man when he gets to the age of twenty-one is allowed a vote, and thereby immediately acquires his political education. The Americans are the best politically educated people in the world. It is well worth one’s while to go to a country which can teach us the beauty of the word FREEDOM and the value of the thing LIBERTY.

***********

 

   Temo di non poter dipingere complessivamente l’America come i Campi Elisi — forse, dal punto di vista comune conosco solo poco del paese. Non posso fornire la sua latitudine o longitudine; non riesco a  computare il valore delle sue merci, e non ho una familiarità molto stretta con la sua politica. Questi sono argomenti che forse non vi interessano, e di certo non sono interessanti per me.

   La prima cosa che mi ha colpito mettendo piede in America fu che gli americani, se non sono le persone meglio vestite al mondo, sono le più comodamente vestite. Là si vedono uomini con degli orribili cappelli a comignolo, ma pochissimi sono senza cappello; indossano scandalose giacche a coda di rondine, pochi sono senza giacca. C’è un’aria di comodità nell’aspetto delle persone che è in netto contrasto con ciò che si vede in questo paese, dove, troppo spesso, la gente si vede a stretto contatto con gli stracci.

   L’altra cosa particolarmente degna di nota è che tutti sembrano aver fretta di prendere il treno. Questo è uno stato di cose che non è favorevole alla poesia o al romanzo. Se Romeo o Giulietta fossero stati in uno stato costante d’apprensione per il treno, o avessero avuto le menti agitate per la questione del biglietto di ritorno, Shakespeare non avrebbe potuto donarci quelle amabili scene sul balcone che sono così piene di poesia e pathos.

   L’America è il paese più rumoroso che sia mai esistito. Ci si sveglia al mattino non con il canto dell’usignolo, ma con il fischio del vapore. È sorprendente che il rumore del senso pratico degli americani non riduca questo intollerabile frastuono. Tutta l’Arte dipende da una sensibilità squisita e delicata, e un tale continuo tumulto deve in definitiva essere distruttivo per la facoltà musicale.

   Non c’è tanta bellezza da scoprire nelle città americane come a Oxford, Cambridge, Salisbury o Winchester, dove vi sono belle reliquie di una bella età; eppure c’è ancora una buona dose di bellezza da vedere qua e là, ma solo là dove gli americani non si sono azzardati a crearla. Là dove gli americani hanno provato a produrre la bellezza hanno fallito completamente. Una caratteristica notevole degli americani è il modo in cui hanno applicato la scienza alla vita moderna.

   Questo è evidente facendo una brevissima passeggiata per New York. In Inghilterra un inventore è considerato quasi un pazzo, e in troppi casi l’invenzione finisce in delusione e povertà. In America un inventore è onorato, viene immediatamente aiutato e l’esercizio dell’ingenuità, l’applicazione della scienza al lavoro dell’uomo là è la strada più breve per la ricchezza. Non c’è paese al mondo dove le macchine sono così belle come in America.

  Ho sempre desiderato credere che la linea della forza e quella della bellezza fossero una sola. Quel desiderio si è esaudito quando ho contemplato le macchine americane. Non mi sono accorto delle meraviglie meccaniche finché non ho visto gli impianti idrici di Chicago; l’alzare e il cadere delle barre d’acciaio, il movimento simmetrico delle grandi ruote è la cosa più magnificamente ritmica che abbia mai visto. Si rimane colpiti in America, ma non favorevolmente, dalla dimensione eccessiva di tutto. Il paese sembra cercare di costringere a credere al suo potere attraverso la sua impressionante grandezza.

   Sono stato deluso dal Niagara — la maggioranza non può che essere delusa dal Niagara. Ogni sposa americana viene portata là e la vista della stupenda cascata deve essere una delle primissime se non la più acuta delusione nella vita matrimoniale americana. La si vede in pessime condizioni, lontanissima, il punto di visuale non mostra lo splendore dell’acqua. Per apprezzarla davvero bisogna vederla sotto la cascata, e per farlo è necessario vestirsi con un abito speciale di pelle color giallo, che è brutto come un impermeabile — e spero che nessuno di voi lo indossi, tuttavia, è una consolazione sapere che un artista del calibro di Madame Bernhardt non solo ha indossato quel vestito brutto e giallo, ma si è fatta pure fotografare così conciata.

   Forse la parte più bella dell’America è il West, sebbene raggiungerlo comporti un viaggio in treno di sei giorni, correndo legati a un’orrida caldaia di una macchina a vapore. L’unica magra consolazione che ho trovato sta nel fatto che i ragazzi che infestavano le vetture e vendevano qualsiasi cosa commestibile — o non commestibile — vendevano edizioni dei miei poemi stampate vilmente su una specie di carta grigia maculata per il modico prezzo di dieci centesimi. Chiamati questi ragazzi a parte, dissi loro che i poeti, pur amando essere popolari, desideravano essere pagati e vendere le edizioni dei miei poemi senza dare a me un profitto infliggeva un duro colpo alla letteratura, che doveva avere un effetto disastroso sugli aspiranti poeti. La risposta costante che davano quei ragazzi era che loro ricavavano un profitto dalla vendita e questo era tutto ciò di cui si curavano.

   È una superstizione popolare che in America un visitatore sia invariabilmente chiamato “Straniero”. Mai una volta sono stato chiamato “ Straniero”. Quando andai in Texas mi chiamavano “Capitano”; quando raggiunsi il centro del paese “Colonnello” e, arrivando ai confini del Messico,  “Generale”. Nel complesso, comunque “Sir”, il vecchio metodo inglese di rivolgersi alle persone, è il più comune. È, forse, utile notare che ciò che molti definiscono americanismi in realtà altro non sono che vecchie espressioni inglesi rimaste nelle nostre colonie mentre si sono perse nel nostro paese. Molti immaginano che il termine I guess,  che è così comune in America, sia puramente una espressione americana, ma fu usato da John Locke nella sua opera sull’intelletto[1],  proprio come adesso noi usiamo I think.

   È nelle colonie, e non nella madrepatria, che la vecchia vita del paese esiste realmente. Se ci si vuole rendere conto che cos’è il puritanesimo inglese — non nella sua forma peggiore (quando è pessimo), ma nella migliore, e quindi non è molto buono — non credo che lo si trovi granché in Inghilterra, ma molto lo si può rinvenire a Boston e nel Massachusetts. Noi ce ne siamo sbarazzati. L’America ancora lo conserva perché sia, lo spero, una curiosità di breve durata.

   San Francisco è davvero una bella città. China Town, popolata da lavoratori cinesi, è la  città più artistica in cui mi sia mai imbattuto. La gente — strani, malinconici orientali, che molti definirebbero ordinari, e certamente sono poverissimi — ha deciso di non avere niente che li riguardi che non sia bello. Nel ristorante cinese, dove questi manovali si incontrano la sera per cenare, li ho trovati che bevevano il tè in tazze di porcellana delicate come petali di rosa, mentre negli alberghi di lusso mi servivano con tazze di ceramica dello spessore di un pollice e mezzo. Quando è stato portato il conto in cinese era su carta di riso, scritto con l’inchiostro di china così incredibilmente come se un artista avesse realizzato un acquaforte con uccellini su un ventaglio.

   Salt Lake City ha soltanto due edifici degni di nota, il principale è il Tabernacle, che è a forma di zuppiera. È decorato solo da artisti nativi, che hanno trattato i temi religiosi con lo spirito naif dei primi pittori fiorentini, rappresentando la gente dei giorni nostri vestita come veste oggi accanto ai personaggi della storia biblica che sono abbigliati in fogge romantiche.

   Il secondo edificio per importanza è chiamato Amelia Palace, in onore di una delle mogli di Brigham Young. Quando la moglie morì l’attuale presidente dei Mormoni si alzò nel Tabernacle e disse che gli era stato rivelato che doveva avere l’Amelia Palace e che su questo argomento non ci dovessero essere più rivelazioni di alcun tipo!

   Da Salt Lake City si viaggia attraverso le grandi pianure del Colorado e da lì si sale verso le Montagne Rocciose, in cima alle quali c’è Leadville, la città più ricca al mondo. Ha anche la reputazione d’essere la più rozza e là tutti possiedono un revolver. Mi è stato detto che se mi ci fossi recato sicuramente avrebbero sparato a me o al mio manager di viaggio. A loro ho scritto e detto che niente di quello che avrebbero potuto fare al mio manager sarebbe stato in grado di intimidirmi. Sono dei minatori — uomini che lavorano i metalli, e allora io tenni loro una conferenza sull’etica dell’arte. Gli lessi dei passaggi tratti dall’autobiografia di Benvenuto Cellini e sembravano molto divertiti. Fui rimproverato dai miei spettatori per non aver portato con me Cellini. Spiegai che era morto da un po’ di tempo, al che suscitai la domanda “Chi gli ha sparato?”. Loro poi mi portarono in una sala da ballo dove vidi l’unico metodo razionale di critica d’arte in cui mi sia mai imbattuto. Sul piano c’era stampato un avviso:

PER FAVORE NON SPARATE SUL PIANISTA.

STA FACENDO DEL SUO MEGLIO.

   La mortalità tra i pianisti in quel luogo è notevole. Poi mi invitarono a cena e, avendo accettato, dovetti scendere in una miniera calandomi in un secchio sgangherato dove era impossibile essere aggraziati. Raggiunto il cuore della montagna cenai: la prima portata fu whisky, la  seconda whisky e la terza whisky.

   Andai al teatro per tenere una conferenza e fui informato che proprio prima di me erano stati catturati due uomini accusati di omicidio, portati in quel teatro sul palcoscenico alla otto di sera, poi processati e giustiziati davanti a una sala affollata. Però io trovai questi minatori molto affascinanti e affatto rozzi.

   Tra gli abitanti più anziani del Sud scoprii una tendenza malinconica a datare ogni evento  importante facendo riferimento all’ultima guerra. «Com’è bella la luna stasera», feci notare una volta a un signore che stava vicino a me. «Sì», fu la sua risposta, «ma avreste dovuto vederla prima della guerra».

   Ho riscontrato che la conoscenza dell’arte è così infinitesimale, ad ovest delle Montagne Rocciose, che un mecenate — uno che a suo tempo era stato un minatore — citò per danni nientemeno che la compagnia ferroviaria perché il calco in gesso della Venere di Milo, importato da Parigi, era stato consegnato senza le braccia. E, ciò che è ancora più sorprendente, vinse la causa e ottenne i danni.

   La Pennsylvania, con le sue gole rocciose e i paesaggi boschivi, mi ha ricordato la Svizzera. La prateria mi ricorda un pezzo di carta assorbente.

   Gli spagnoli e i francesi hanno lasciato memorie dietro di sé nella bellezza dei loro nomi. Tutte le città che hanno dei bei nomi derivano dallo spagnolo o dal francese. Gli inglesi hanno dato dei nomi bruttissimi ai luoghi. Un posto aveva un nome così brutto che rifiutai di tenervi una conferenza. Si chiamava Grigsville. Credetti di trovare una scuola d’arte laggiù — che ne so, “Antica Grigsville”. Immaginate una scuola d’arte che insegni il “Rinascimento di Grigsville”.

   Per quanto riguarda lo slang, non ne ho sentito molto, anche se una giovane donna che si era cambiata dopo una danza pomeridiana ha detto che “dopo il calcio al tallone ha spostato i suoi beni diurni”.

   La gioventù americana è pallida e precoce, o giallognola e altezzosa, ma le ragazze americane sono carine e incantevoli – piccole oasi di bella irragionevolezza in un vasto deserto di pratico buon senso.

   Ogni ragazza americana ha il diritto di avere dodici giovani uomini devoti a lei. Restano i suoi schiavi e li governa con incantevole indifferenza.

   Gli uomini sono interamente dedicati agli affari; hanno, come si suol dire, il loro cervello davanti alle loro teste. Sono anche estremamente convinti di nuove idee. La loro educazione è pratica. Basiamo l’educazione dei bambini esclusivamente sui libri, ma dobbiamo dare al bambino una mente prima di poter istruire la mente. I bambini hanno una naturale antipatia per i libri – l’artigianato dovrebbe essere la base dell’educazione. Ai ragazzi e alle ragazze dovrebbe essere insegnato a usare le mani per fare qualcosa, e sarebbero meno inclini a distruggere e ad essere maliziosi.   Andando in America si impara che la povertà non è un supplemento necessario della civiltà. In ogni caso, c’è un paese che non ha finimenti, parate storiche e cerimonie sfarzose. Ho visto solo due processioni — una era quella dei vigili del fuoco preceduta dalla polizia, l’altra era quella della polizia preceduta dai vigili del fuoco.

   Ogni uomo che raggiunge l’età di ventuno anni consegue il diritto al voto, e in seguito acquisisce immediatamente la sua educazione politica. Gli americani son il popolo meglio educato  politicamente al mondo. It is well worth one’s while to go to a country which can teach us the beauty of the word LIBERTÀ and the value of the thing LIBERTÀ.

[1] John Locke (1632-1704), filosofo inglese, scrisse Sulla condotta dell’intelletto  (Of the Conduct of Understanding), pubblicato postumo nel 1706.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Sisohpromatem, Traduzioni, Wilde. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Oscar Wilde, “Impressions of America”

  1. sergiofalcone ha detto:

    Ora come allora.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...