Il Raffaello lucchese

ps1_37484_fnt_dd_t14

Fonte della foto: http://art.thewalters.org/detail/10681/madonna-of-the-candelabra/

Rileggendo un bellissimo articolo della storica dell’arte Maurizia Tazartes, pubblicato nel numero di settembre 1999 sulla rivista ARS [1] e dedicato a Lucca, mi sono imbattuto in una notizia che mi ha molto colpito, evidentemente sfuggitami durante la prima lettura di 17 anni fa: Lucca ha avuto in suo possesso un quadro di Raffaello, la Madonna dei Candelabri, fino alla sua cessione operata da Carlo Ludovico di Borbone, l’ultimo duca del Ducato di Lucca dal 1824 al 1847, anno in cui Lucca perse la sua indipendenza secolare e fu annessa al Granducato di Toscana. Oltre centocinquanta opere delle collezioni pubbliche lucchesi furono vendute da Carlo Ludovico al mercato inglese, forse per riparare ai suoi debiti, tra queste figurava appunto il tondo di Raffaello, di cui i critici si sono occupati attribuendo al Maestro Urbinate l’esecuzione sicura della figura della Madonna. Per trovare tutti i particolari basta leggere la scheda della Fondazione Zeri [2]:

OGGETTO

Soggetto Madonna con Bambino e angeli

Denominazione/Titolo tradizionale Madonna dei Candelabri

Materia e tecnica tavola

Unità di misura cm

Diametro 65.7

AUTORE

Autore Sanzio Raffaello 

Motivazione dell’attribuzione Bibliografia (F. Zeri, 1976)

Autore Sanzio Raffaello, bottega  

Motivazione dell’attribuzione Bibliografia (F. Zeri, 1976)

ALTRE ATTRIBUZIONI

Nome Sanzio Raffaello

Motivazione dell’attribuzione Bibliografia (B.B. Fredericksen-F. Zeri, 1972)

CRONOLOGIA

Indicazione generica sec. XVI

Da 1513

A 1514

LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICO-AMMINISTRATIVA

Stato Stati Uniti d’America

Regione/ Stato federale Maryland

Comune Baltimora (MD)

Denominazione del contenitore The Walters Art Museum

Localizzazione specifica inv. 37.484, acquistato nel 1901

LOCALIZZAZIONI PRECEDENTI

Stato Italia

Regione / Stato federale Toscana

Provincia Lucca

Comune Lucca

Denominazione Collezione Maria Luisa regina d’Etruria

Per compensare Lucca di quella che, giustamente, Maurizia Tazartes definisce la vendita scellerata di Carlo Ludovico, Leopoldo II, l’ultimo Granduca di Toscana, donò alla città dell’arborato cerchio 83 dipinti dal ’500 al ’700 provenienti dalle raccolte fiorentine, adesso conservati nello splendido Museo Nazionale di Palazzo Mansi. Il Ritratto di giovinetto di Pontormo è sicuramente un’opera di grande pregio, un onore averla a Lucca nel museo succitato, ma non credo che, con tutto il rispetto per Jacopo Carrucci di Pontorme, possa bastare per bilanciare la perdita di una tavola di Raffaello, adesso conservata al The Walters Art Museum di Baltimora, dopo l’acquisto del 1901 [3]. La Madonna dei Candelabri è l’unico dipinto di Raffaello presente nei musei nordamericani e Baltimora va giustamente fiera di questo primato. Immaginiamoci cosa avrebbe potuto significare per Lucca avere ancora quella tavola, non solo per l’afflusso dei turisti, ma anche dal punto di vista dell’immagine della città. La Madonna dei Candelabri sarebbe stata un tesoro inestimabile da presentare come carta da visita, come simbolo. Mi auguro che questa notizia, poco conosciuta, serva al popolo lucchese per non commettere mai più errori del genere e salvaguardare il nostro patrimonio così come i secoli ce l’hanno offerto.

Marco Vignolo Gargini


[1] Maurizia Tazartes, I luoghi dell’arte – Antiche dimore oggi musei, ARS anno III, numero 9 (21), settembre 1999, De Agostini Rizzoli Periodici, pp. 72-76.

[2] http://catalogo.fondazionezeri.unibo.it/scheda.jsp?decorator=&apply=&tipo_scheda=OA&id=29041&titolo=Sanzio+Raffaello+%3b+Sanzio+Raffaello%09%09%09%09%09+++++%2c+Madonna+con+Bambino+e+angeli

[3] http://art.thewalters.org/detail/10681/madonna-of-the-candelabra/

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Cultura, Notizie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...