Sulle unioni civili

gay escalator

Sostenere che una legge sulle unioni civili, sui “matrimoni” gay, sullo stepchild adoption, non sia una priorità equivale a negare la sfera affettiva privata dei cittadini di una nazione. L’idea di questi “negazionisti” è che un contesto sociale e civile abbia un fondamento esclusivo di natura economica, includendo il tema del lavoro e della finanza tout court. Ma se l’economia, etimologicamente, è la “legge della casa” [οἶκος (oikos) “casa” e νόμος (nomos) “legge”], allora di quale “casa” stanno parlando costoro? Chi vi abita? Fantasmi o esseri umani? Escludere l’affettività implica il rigetto dell’economia, che non è fatta solo di merci o di calcoli astratti. L’Italia non può continuare a rinviare questo appuntamento, finora le forze reazionarie e conservatrici si sono ostinate a non riconoscere i diritti di alcuni, dimostrando scarsa civiltà e empatia, perfino nei confronti della famiglia cosiddetta tradizionale, che difendono strumentalmente solo per bieche ragioni politiche. Preferiscono vivere in un contesto scisso, perpetrare il disagio e la discriminazione nei confronti di un nucleo non indifferente che può contribuire attivamente anche alle sorti generali dell’andamento economico. Abbiamo bisogno di pace sociale, di unità, di solidarietà, non di barricate, scontri e disparità. Chi nega la felicità altrui ha qualche contenzioso con la propria. Fa specie osservare certi “cattolici” o liberali dimezzati convinti di dover imporre la propria volontà al resto della popolazione. La loro non è una difesa dei valori, ma una sopraffazione motivata da risentimento, omofobia, disprezzo. L’affetto, l’amore e il desiderio di condividere una vita insieme non hanno prezzo, chi mette in dubbio tutto questo è contro la vita e si pone al di fuori di ogni contesto civile.

mvg

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in GLBTQ, Politica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sulle unioni civili

  1. Pingback: 11 MAGGIO 2016: SÌ!!! | Sisohpromatem (Marco Vignolo Gargini)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...