Tonino Milite (1942-2015)

Tonino Milite

È morto Tonino Milite, pittore, poeta, nato a Tirana da una famiglia di origine lucchese. A Lucca ha compiuto i suoi studi d’arte per poi passare all’Accademia di Brera di Milano. Nel 1981 disegnò la bandiera arcobaleno simbolo della pace. Qui di seguito una bella intervista di Sara Chiappori, apparsa il 12 dicembre 2008 su Repubblica, in cui Tonino Milite parla di sé e ripercorre la sua carriera.

Milite: ‘Io, pittore e poeta con lo stupore di un bambino’

E’ un poeta dello sguardo, Tonino Milite. è grazie al suo occhio curioso, instancabile, capace di stupirsi e soffermarsi sulle cose, anche le più piccole, che questo artista gentile e irrequieto ha saputo scivolare con la leggerezza di un acrobata tra le esperienze più diverse: la poesia (per Mondadori è appena uscita la raccolta Meteora), la pittura e la scultura, il design, la ricerca intorno alla filosofia del gioco e all’ uso dei materiali alternativi al fianco di Bruno Munari. Nato nel 1942 a Tirana, «ma incidentalmente, mio padre faceva il poliziotto e si trovava in Albania», un’ infanzia nomade seguendo gli spostamenti della famiglia e un’ adolescenza passata a Lucca, Tonino Milite vive in una casa studio dentro un cortile di ringhiera a Trenno. Quando e come è arrivato a Milano? «Nel 1970, in autostop, zaino in spalla. Rientrato da un viaggio in Sudamerica dove ero stato volontario con i salesiani, non avevo più casa né riferimenti. Così decisi di raggiungere mio fratello, che viveva qui». è stato a Milano che ha conosciuto Bruno Munari? «Appena arrivato, gli telefonai. Avevo letto i suoi libri e sentivo una profonda corrispondenza. Mi invitò a casa sua dove mi presentai con quindici quadri incorniciati: non avevo i soldi per farli fotografare. Quando poi diventammo amici, scherzava dicendo che la mia prima personale l’ avevo fatta a casa sua». Da lì un rapporto umano e artistico che non si è mai interrotto. «Ci siamo dati molto l’ uno con l’ altro, gli sono debitore. Bruno è stata una finestra da cui guardare il panorama con altri occhi». Pittore, scultore, poeta. Che cosa tiene insieme i diversi linguaggi attraverso cui si esprime? «La poesia è la dimensione fondamentale, senza poesia non si può fare nulla, né il panettiere né il presidente della Repubblica. Se dipingo è perché sento dentro questo sguardo poetico». Si è occupato molto di infanzia. Che cosa la affascina del mondo dei bambini? «Ancora una volta si tratta di sguardo. Quello dei bambini è sbalordito e affamato di vita. Ho cinque nipoti: quando si ficcano a testa bassa nella realtà lì vedo già poeti». A proposito di famiglia, lei ha fatto da padre a Paolo, Luigi e Mario Calabresi. «Sono la mia famiglia. Mi hanno insegnato che padri non si nasce ma si diventa». Da un verso di una sua poesia, Spingendo la notte più in là, Mario Calabresi ha trovato il titolo per il libro in cui racconta la storia di suo padre, il commissario Luigi Calabresi, ucciso dai terroristi quando lui era bambino. Che effetto le ha fatto? «Mi ha commosso, anche se in realtà non è stato Mario a sceglierlo, bensì Francesco Anzelmo di Mondadori, a cui Mario aveva portato una mia raccolta di poesie». Tra le tante cose che ha creato, c’ è anche la bandiera della pace. Come è andata? «Chiariamo subito un equivoco: l’ uso dell’ arcobaleno per la bandiera non è una mia invenzione, si perde nella notte dei tempi. L’ idea mi venne nel 1981, quando con Mario Calabresi andammo a una manifestazione per la pace: cercavamo una bandiera sotto la quale metterci, ma erano tutte diverse. Tornato a casa, ne disegnai una con l’ arcobaleno. Di mio rivendico la scelta della sequenza cromatica e il formato a trapezio rettangolo». In questi quasi quarant’ anni quanto è cambiata Milano? «Molto, e per certi aspetti in meglio: è più ordinata, più bella. Certo, da un punto di vista culturale non è un gran momento, ma sono fiducioso. Per fare cultura ci vogliono tre cose: costanza, durata e intensità. A Milano basterebbe ritrovarle per tornare a essere grande».

SARA CHIAPPORI 13 dicembre 2008

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Notizie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...