Cesare Pascarella, “La Scoperta dell’America”

Christopher_Columbus3

Cesare Pascarella

La Scoperta dell’America

(1894)

I

Ma che dichi? Ma leva mano, leva!
Ma prima assai che lui l’avesse trovo,
Ma sai da quanto tempo lo sapeva
Che ar monno c’era pure er monno novo!

E siccome la gente ce rideva,
Lui sai che fece un giorno? Prese un ovo,
E lì in presenza a chi nun ce credeva,
Je fece, dice: – Adesso ve lo provo.

E lì davanti a tutti, zitto zitto,
Prese quell’ovo e senza complimenti,
Pàffete! je lo fece regge dritto.

Eh! Ner vedé quell’ovo dritto in piede,
Pure li più contrari più scontenti,
Eh, sammarco! ce cominciorno a crede.

II

Ce cominciorno a crede, sissignora;
Ma, ar solito, a sto porco de paese
Si vòrse trovà appoggio pe le spese
De la Scoperta, je tocco a annà fora.

E siccome a quer tempo lì d’allora
Regnava un re de Spagna portoghese,
Agnede in Portogallo e lì je chiese
De poteje parlà p’un quarto d’ora.

Je fece ’na parlata un po’ generica,
E poi je disse: – Io avrebbe l’intenzione,
Si lei m’ajuta, de scoprì l’America.

– Eh, fece er re, ched’era un omo espertto,
Si, v’ajuto… Ma, no pe fa eccezione,
Ma st’America c’è? Ne séte certo?

III

– Ah! fece lui, me faccio maravija
Ch’un omo come lei pò dubitallo!
Allora lei vor dì che lei mi pija
Per uno che viè qui per imbrojallo!

Nonsignora, maestà. Lei si consija
Co’ qualunque sia ar caso de spiegallo,
E lei vedrà ch’er monno arissomija,
Come lei me l’insegna, a un portogallo.

E basta avecce un filo de capoccia
Pe capì che, dovunque parte taja,
Lei trova tanto sugo e tanta coccia.

E er monno che cos’è? Lo stesso affare.
Lei vadi indove vò, che non si sbaja,
Lei trova tanta terra e tanto mare.

IV

Je capacita sto ragionamento?
– Sicuro, fece er re, me piace assai
– E, vede, je dirò che st’argomento
Ancora nu’ l’avevo inteso mai.

Però, dice, riguardo ar compimento
De l’impresa, siccome… casomai…
– Ma ‘bbi pazienza, fermete un momento…
Ma ste fregnacce tu com le sai?

Eh, le so perché ci ho bona memoria.
– Già! Te ce sei trovato! – Che significa?
Le so perchè l’ho lette ne la storia.

– Ne la storia romana? – È naturale.
Ne la storia più granne e più magnifica,
Che sarebbe er gran libro universale.

V

Ché l’antri libri, no pe dinne male,
Nun contrasto, saranno cose bone,
Ma all’urtimo sò tutti tale e quale:
Legghi, legghi, e che legghi? un’invenzione.

Ma invece co’ la storia universale
Nun ci hai da facce manco er paragone,
Ché lì ce trovi scritto er naturale
De li fatti de tutte le persone.

Vedi noi? Mò noi stamo a fà bardoria:
Nun ce se pensa e stamo all’osteria…
Ma invece stamo tutti ne la storia.

E per questo m’ha sempre soddisfatto,
Perché in qualunque storia ch’uno pïa,
Tu nun legghi ‘na storia; legghi un fatto.

VI

Basta, dunque, pe fà breve er discorso,
Va be’, je fece er re, quer ch’ho promesso
Lo mantengo; ma, dice, ve confesso,
Che io nun ce vorrebbe avé rimorso;

Per cui, st’affare qui ha da fà er suo corso:
Perch’io, si governassi da me stesso,
Che c’entra? ve direbbe: annate adesso…
– Ma allora, fece lui, co’ chi ho discorrso?

Ma voi chi sete? er re o un particolare?
– Pe esse re so re, nun c’è quisttione;
Ma mica posso fà quer che me pare.

Vor dì che voi portate li registri
De le spese, l’esatta relazione,
Che ve farò parlà co li ministri.

VII

E li ministri de qualunque Stato
So’ stati sempre tutti de ’na setta!
Irre orre… te porteno in barchetta,
E te fanno contento e cojonato.

E così lui: ce se trovò incastrato
A doveje pe forza daje retta,
Je fecero la solita scoletta,
Da Erode lo mannaveno a Pilato.

E invece de venì a ’na decisione,
– Sa? je fecero, senza complimenti
Qui bisogna formà ’na commissione.

Lei j’annerà a spiegà de che se tratta,
E, dice, quanno loro so’ contenti,
Ritorni pure che la cosa è fatta.

VIII

Eh, giacchè ho fatto trenta, fece quello,
Be’, dice, che vòi fà? famo trentuno.
Ci agnede, e se trovò in mezzo a un riduno
De gente che Dio sàrvete, fratello!

Lo teneveno lì come er zimbello!
L’interrogorno tutti, uno per uno,
E poi fecero, dice: – Sarv’ognuno,
Ma questo s’è svortato de cervello.

Lui parlava, ma manco lo sentiveno;
E più lui s’ammazzava pe scoprilla
E più quell’antri je la ricopriveno.

Ma lì, secondo me, ne li segreti
De quer complotto lì, ma manco a dilla,
C’era sotto la mano de li preti.

IX

Ché mettetelo in testa ch’er pretaccio
È stato sempre lui, sempre lo stesso!
Er prete? È stato sempre quell’omaccio
Nimico de la patria e der progresso.

E in quelli tempi, poi, si un poveraccio
Se fosse, Dio ne scampi, compromesso,
Lo schiaffaveno sotto catenaccio,
E quer che’era successo era successo.

E si poi j’inventavi un’invenzione,
Te daveno, percristo, la tortura
Ner tribunale de l’inquisizione.

E ’na vorta lì dentro, sarv’ognuno,
La potevi tené più che sicura
Da fà la fine de Giordano Bruno.

X

Lui, defatti, se mésse in diffidenza;
E fece: dice, qui p’er vicinato
Se sente un po’ de puzza d’abbruciato…
Ma fresca! dice, qui ce vo’ prudenza.

Defatti tornò su da su’ eccellenza,
Je fece: – Be’, cos’hanno combinato?
– Eh, dice, sa? l’affare è un po’’ impicciato,
Ripassi un’antra vorta, abbia pazienza.

Ma lui pensò: ma qui giocamo a palla!
Ma qui me vonno mette ner canestro!
Ma sai che nova c’è? Mejo a piantalla!

La voleva piantà. Ma ‘na matina,
Ma indovinece un po’? Nun je viè l’estro
De volè annà a parlà co’ la regina?

XI

E lì defatti, come se trovorno
Assieme, lui je fece: -Sa?, mi pare
Che, dice, è mejo a dì le cose chiare:
Tanti galli a cantà ’n se fa mai giorno.

Ce vado, ce ripasso, ce ritorno,
Je dico: dunque, be’ de quell’affare?
Quale? dice, quer gran viaggio di mare?
Potrebbe ripassare un antro giorno?

Ma che crede che ce n’ho fatti pochi
De ’sti viaggi? Percui, dico, che famo?
Dico, sacra maestà, famo li giochi?

Dunque lo dica pure a suo marito,
Si me ce vò mannà che combinamo,
Si no vado a provà in quarch’antro sito.

XII

Ché qui fra re, ministri, baricelli,
Sapienti… dice, è inutile a parlanne,
Percui, sa, me ridia li giocarelli,
Che fo tela! – Ma me scusi le domanne,

Fece lei, lei che vò – Tre navicelli.
– E ognuno, putacaso, quanto granne?
– Eh, fece lui, sur genere de quelli
– Che porteno er marsala a Ripa granne.

– Va bene, fece lei, vi sia concesso. –
Capischi si com’è? Je venne bene,
Che je li fece dà quer giorno stesso.

E lui, sortito appena da Palazzo,
Prese l’omini, sciorse le catene,
E agnede in arto mare com’un razzo.

XIII

Passa un giorno… due… tre… ’na settimana…
Passa un mese che già staveno a mollo…
Guarda… riguarda… Hai voja a slungà er collo,
L’America era sempre più lontana.

E ’gni tanto veniva ’na buriana:
Lampi, furmini, giù a rotta de collo,
Da dì: qui se va tutti a scapicollo.
E dopo? Dopo ’na giornata sana

De tempesta, schiariva a poco a poco,
L’aria scottava che pareva un forno,
A respirà se respirava er foco,

E come che riarzaveno la testa,
Quelli, avanti! Passava un antro giorno,
Patapùnfete! giù, n’antra tempesta.

XIV

E l’hai da sentì dì da chi c’è stato
Si ched’è la tempesta! So’ momenti,
Che, caro amico, quanno che li senti,
Rimani a bocca aperta senza fiato.

Ché lì, quanno che er mare s’è infuriato,
Tramezzo a la battaja de li venti,
Si lui te pò agguantà li bastimenti
Te li spacca accusì, com’un granato.

Eh!, cor mare ce s’ha da rugà poco…
Già, poi, dico, non serve a dubitallo,
Ma l’acqua è peggio, assai peggio der foco.

Perché cor foco tu, si te ce sforzi
Co’ le pompe, ce ‘rivi tu a smorzallo;
Ma l’acqua, dimme un po’, co’ che la smorzi?

XV

Eppure er mare… er mare, quann’è bello,
Che vedi quel’azzurro der turchino,
Che te ce sdraji longo lì vicino,
Te s’apre er core come ‘no sportello.

Che dilizia! Sentì quer ventarello
Salato, quer freschetto fino fino
Dell’onne, che le move er ponentino,
Che pare stieno a fà nisconnarello!

Eppure… sotto a tutto quer celeste,
Ma, dico, dimme un po’, chi lo direbbe
Che ce cóveno sotto le tempeste?

Cusì uno, finché non ce s’avvezza,
Che te credi che lui ce penserebbe
Si fino a dove arriva la grannezza?

XVI

Ché lì mica te giova esse sapiente;
Nun giova avecce testa o ritintiva,
Cor mare, si nun ci hai immaginativa,
Te l’immagini sempre diferente.

Ché lì tu hai da rifrette co’ la mente,
Che quello che tu vedi da la riva,
Lontano, insin che l’occhio te ci arriva,
Pare chissà che cosa, e invece è gnente.

Ché lì pòi camminà quanto te pare:
Più cammini e più trovi l’infinito,
Più giri e più ricaschi in arto mare.

Séguiti a camminà mijara d’ora…
Dove c’è er cèlo te pare finito,
Invece arrivi lì… comincia allora!

XVII

E figurete quelli che ce staveno,
Figurete che straccio d’allegria!
Avanti! Sempre avanti! …Tribolaveno:
E l’America? Si! Vattela a pïa!

E poi, co’ tante bocche che magnaveno,
Magna, magna, se sa, per quanto sia,
Le proviste più stava e più calaveno.
Per cui, qui, dice, è mejo a venì via.

E defatti, capischi, un po’ per vorta
Cominciaveno a dì: – Ma dove annamo?
Ma s’accidente qui, dove ce porta? –

E abbotta abbotta; arfine venne er giorno
Che fecero: – Percristo, ma che famo? –
J’agnedero davanti, e je parlorno.

XVIII

– Eh… je fecero, dice, ce dispiace;
Ce dispiace de dijelo davanti,
Ma qui, chi più chi meno, a tutti quanti
’Sta buggiarata qui poco ce piace.

Così lei pure, fatevi capace,
Qui nun ce so’ né angeli né santi,
Qui ‘gni giorno de più che se va avanti
Se va da la padella ne la brace.

«Avanti, avanti!» So’ parole belle;
Ma qui, non ce so’ tanti sagramenti,
Caro lei, qui se tratta de la pelle!

Già, speramo che lei sia persuasa;
Si no, dice, nun facci complimenti,
Vadi pure… Ma noi tornamo a casa.

XIX

– Eh, fece lui, si avevio st’intenzione,
Potevio fà de meno de fà er viaggio!
Rifrèttece ar momento de l’ingaggio,
No mo’ che stamo qui in agitazione.

Che nun se sa? Quanno ch’uno s’espone,
Ha da stà cor vantaggio e lo svantaggio…
Armeno accusì fa chi ci ha coraggio. –
Eh, je lo disse bene, e co’ ragione;

Perché quann’uno, caro mio, se vanta
D’esse un omo d’onore, quanno ha dato
La parola, dev’esse sacrosanta.

E sia longa la strada, o brutta o bella,
Magara Cristo ha da morì ammazzato,
Ma la parola sua dev’esse quella.

XX

Ma d’antra parte, quelli ciurcinati,
Pure loro bisogna compatilli:
Lì, soli, in mezzo ar mare, abbandonati,
Se dice presto, rimané tranquilli!

Capisco, dichi tu: ce séte annati,
Dunque è inutile a fà tutti ’sti strilli:
Ma, dimme un po’, dov’ereno ‘rivati?
Che faceveno lì? Qui sta er busilli.

E ’gni giorno era come er giorno appresso:
Oggi era brutto… Speravi domani…
Te svejavi domani, era lo stesso.

E senza mai sapé dov’uno annasse!
Cristogesumaria! Manco li cani!
Dev’esse stato un gran brutto trovasse!

XXI

E io ne la mia piccola ignoranza
Me c’investo. Fa tutto quer cammino:
Arrivà in arto mare: arrivà insino…
Insino… a quela straccio de distanza,

E védete la morte in lontananza;
Volé vive, e sentitte lì vicino,
Ne l’orecchie, la voce der destino
Che te dice: lassate ’gni speranza!

Ma pensa quer che deve avé sofferto
Quell’omo, immassimato in quer pensiero,
De dì: – La terra c’è… Si…! Ne sò certo…-

E lì, sur punto d’essece arrivato,
Esse certo, percristo, ch’era vero,
E dové dì: va be’, me sò sbajato.

XXII

Ma lui che, quanto sia, già c’era avvezzo
A parlà pe convince le persone,
Je fece, dice: – Annamo co’ le bone,
Venite qua, spaccamo er male in mezzo.

È vero, si, se tribola da un pezzo;
Percui, per arisorve sta quistione
Non c’è antro che fà ’na convenzione
Che a me me pare sia l’unico mezzo;

Che noi p’antri du’ giorni annamo avanti,
E poi si proprio proprio nun c’è gnente
Se ritrocede indietro tutti quanti.

Ve capacita? Quelli ce pensorno;
Be’, dice, sò du’ giorni solamente…
Be’, je fecero: annamo! e seguitorno.

XXIII

Ma lui, capischi, lui la pensò fina!
Lui s’era fatto già l’esperimenti,
E dar modo ch’agiveno li venti,
Lui capì che la terra era vicina;

Percui, lui fece: intanto se cammina,
Be’, dunque, dice, fàmoli contenti,
Ché tanto qui se tratta de momenti…
Defatti, come venne la matina,

Terra… Terra…! Percristo!… E tutti quanti
Ridevano, piagneveno, zompaveno…
Terra… Terra…! Percristo!… Avanti… Avanti!

E lì, a li gran pericoli passati
Chi ce pensava più? S’abbraccicaveno,
Se baciaveno… E c’ereno arrivati!

XXIV

– Oh! Mo’ che grazziaddio semo ’rivati,
A Bracioletta! portece da beve…
…Dì un po’, quanti n’avevi già portati?
– Sette… e tre… – fanno dieci. A Ninno, beve!

Bevéte, sora Pia, questo è Frascati,
Come vié se ne va. Ch’è roba greve?
…Dunque… Dunque dov’erimo restati?
– Che gnente ce voressivo ribeve?

– Oh, mo’ nun comincià che nun hai voja.
Domani?… Ma de che?! Daje stasera,
Te possin’ammazzatte, sei ‘n gran boja!

Eh, già, si tu facevi l’avocato,
Sai quanti ne finiveno in galera!
Dunque, sbrighete, sù, fatte escì er fiato.

XXV

Dunque come finì? – Finì benone!
Finì che quanno tutto era finito,
Se cominciò a formà come un partito,
Che je voleva fà l’opposizione.

Je diceveno: Si, avete ragione,
Nun c’è gnente che dì, séte istruito,
È l’America, si, nun c’è quistione,
Ma poi, si invece fosse un antro sito? –

Ma lui li mésse co’ le spalle ar muro:
Je fece, dice: Ah si? Ne dubitate?
Me dispiace, ma io ne sò sicuro.

Vor dì che poi, si voi nun ce credete,
Domani presto, ar primo che incontrate
Annàtejelo a dì, che sentirete.

XXVI

E quelli puntuali! Appena giorno,
Che ce se cominciava appena a vede,
Se n’agnedero, e come che sbarcorno
Nun sapeveno dove mette er piede.

Defatti, appena scenti se trovorno
Davanti a ’na foresta da nun crede,
Dove che malappena che c’entrorno,
Che vòi vedé, percristo, lo stravede!

Te basta a dì che lì in quella foresta,
Capischi? Le piantine de cicoria
Je ’rivaveno qui, sopra la testa.

Eh, quelli, già, se sa, sò siti barberi:
Ma tu, invece de ride, pïa la storia
E poi tu viemme a dì si che sò l’arberi.

XXVII

Ché lì l’arberi, amico, o callo o gelo,
Be’, quelli da li secoli passati,
Da che Domineddio ce l’ha piantati
Sò rimasti così, quest’è vangelo.

E lì, cammini sempre in mezzo a un velo
D’un ciafrujo de rami, intorcinati
Co’ l’antri rami, che te sò ’rivati
Che le punte, perdio, sfonneno er cèlo.

E l’erba? Sta intrecciata così stretta
Che ’na persona, lì, si vò annà avanti,
Bisogna che la rompe co’ l’accetta.

E poi che rompi? Si!… Ne rompi un metro;
Ma all’urtimo bisogna che la pianti,
Ché lì fai un passo avanti e cento addietro.

XXVIII

Ma poi nun serve a dille tutte quante!
La gran difficortà de quella sérva
È che tu, framezzo a quelle piante,
Tu ’gni passo che fai, trovi ’na berva.

E lì, capischi, ce ne trovi tante
Come stassero drento a ’na riserva;
E ce bazzica puro l’eliofante,
Che sarebbe er Purcin de la Minerva.

Eh, p’annà lì bisogna èssece pratico,
Perché poi, quanno meno te l’aspetti,
C’è er caso d’incontrà l’omo servatico.

E quello è peggio assai de li leoni;
E quello te se magna a cinichetti,
Te se magna co’ tutti li carzoni.

XXIX

– E quelli? – Quelli? Je successe questa:
Che mentre, lì, framezzo ar villutello
Cusì arto, p’entrà ne la foresta
Rompeveno li rami cor cortello,

Veddero un fregno buffo, co’ la testa
Dipinta come fosse un giocarello,
Vestito mezzo ignudo, co’ ’na cresta
Tutta formata de penne d’ucello.

Se fermorno. Se fecero coraggio…
– A quell’omo! je fecero, chi séte? – E, fece, chi ho da esse?
Sò un servvaggio.

E voi antri quaggiù chi ve ce manna?
– Ah, je fecero, voi lo saperete
Quando vedremo er re che ve commanna.

XXX

E quello, allora, je fece er piacere
De portalli dar re, ch’era un surtano,
Vestito tutto d’oro: co’ ’n cimiere
De penne che pareva un musurmano.

E quelli allora, co’ bone maniere,
Dice: – Sa? Noi venimo da lontano,
Per cui, dice, voressimo sapere
Si lei siete o nun siete americano.

– Che dite? fece lui, de dove semo?
Semo de qui, ma come sò chiamati
’Sti posti, fece, noi nu’ lo sapemo. –

Ma vedi si in che modo procedeveno!
Te basta a dì che lì c’ereno nati
Ne l’America, e manco lo sapeveno.

XXXI

E figurete allora tutti quelli!
Ner védeli così senza malizia,
Je cominciorno a dì: – Famo amicizia…
Viva la libertà… Semo fratelli…

E intanto l’antri su li navicelli,
Ch’aveveno sentito la notizia,
Capirno che la cosa era propizia,
Sbarcorno tutti giù da li vascelli.

E quelli je sbatteveno le mano:
E quell’antri, lo sai come succede?
Je daveno la guazza, e a mano a mano

Che veddero che quelli ci abboccaveno,
Che agiveno co’ tutta bona fede,
Figurete si come li trattaveno!

XXXII

Li trattaveno come ragazzini;
Pijaveno du’ pezzi de specchietti,
’Na manciata de puje, du’ pezzetti
De vetro, un astuccetto de cerini…

Je diceveno: – Eh? Quanto sò carini!
– Voler controcambiare vostri oggetti? –
E tutti quanti queli poveretti
Je daveno le spille e l’orecchini.

Figurete! Ce fecero la mozza:
E lì le ceste d’oro, così arte,
Le portaveno via co’ la barozza.

Eh, me fai ride! Come je le daveno?
Quanno me dichi che da quele parte
Lì li quatrini nu’ li carcolaveno!

XXXIII

Perché er servaggio, lui, core mio bello,
Nun ci ha quatrini; e manco je dispiace:
Ché lì er commercio è come un girarello,
Capischi si comè? Fatte capace:

Io sò ’n servaggio, e me serve un cappello:
Io ci ho ’n abito e so che a te te piace,
Io te dò questo, adesso damme quello,
Sbarattamo la roba e semo pace.

E così pe li generi più fini,
E così pe la roba signorile;
Ma loro nun ce l’hanno li quatrini.

Invece noi che semo una famija
De ’na razza de gente più civile,
Ce l’avemo… e er Governo se li pija.

XXXIV

Ma lì nun ce sò tasse e le persone
T’agischeno secondo er naturale:
Lì nun ce trovi tante distinzione,
’Gni servaggio che vedi è un omo uguale.

Che dichi? che nun ci hanno l’istruzione?
Ma intanto sò de core e sò reale;
E tu finché lo tratti co’ le bone
Nun c’è caso che lui te facci male.

Vor dì che si ce fai la conoscenza
Che quelli te spalancheno le braccia,
Be’ tu nun j’hai da fà ‘na prepotenza.

Si quello te viè a fatte le carezze
E invece tu je dài li carci in faccia,
Se sa, quello risponne co’ le frezze.

XXXV

E così finì lì; che venne er giorno
Che quelli cominciorno a annà in gattaccia:
E quell’antri je diedero la caccia,
E venne er giorno che ce l’acchiapporno.

E allora, se capisce, cominciorno
Le lite, e dopo venne er vortafaccia:
Quelli je seguitorno a ride in faccia;
Ma quell’antri, lo sai?, je la cantorno.

Dice: lassamo perde le servagge,
Si no, dice, mannaggia la miseria,
’Na vorta o l’antra qui nasce ’na stragge!

Ma quelli… quelli, invece seguitaveno,
E allora diventò ’na cosa seria,
Perché le donne, poi, quelle ce staveno.

XXXVI

Eh, er bianco, già, laggiù ce fa furore!
E dice che, si lui ce l’incoraggia,
Bisogna vede lei come ce sgaggia,
Quanno ce se pò mette a fà l’amore.

Che dichi? La quistione der colore?
Be’ vedi: er bianco, lui, si ’na servaggia,
Capischi, si Dio liberi l’assaggia,
Nun te lo lassa più, fino che more.

E mica ce sarebbe tanto male;
La gran dificortà è che ci ha er difetto
De nasce co’ quer porco naturale,

Che come vede l’erba ce s’intrufola,
E quanno viè la notte che va a letto,
Puzza un po’ de l’odore de la bufola.

XXXVII

Però, capischi, o bufola o vaccina,
Da quele parti lì, si ci hai famija,
Quanno che puta caso ci hai ’na fija
Trovi subito chi se la combina.

Qui, invece, tu pòi avecce ’na regina,
Che ha tempo, ha voja a fà l’occhi de trija,
Ché prima de trovà chi se la pija,
N’ha da attastanne armeno ’na ventina.

Lì, invece, pe sposassele, le pregheno:
Mica è come ne l’epoca presente,
Che vedi le regazze che se spregheno.

Perché lì li servaggi, o belli o brutti,
Appena che l’età je l’acconsente,
Da quele parte lì sposeno tutti.

XXXVIII

Ma perché? Perché lì nun c’è impostura,
Ché lì, quanno er servaggio è innamorato,
Che lui decide de cambià de stato,
Lo cambia co’ la legge de natura.

Invece qui… le carte, la scrittura,
Er municipio, er sindico, er curato…,
Er matrimonio l’hanno congegnato
Che quanno lo vòi fà mette pavura.

E dove lassi poi l’antri pasticci
Der notaro? La dote, er patrimonio…
Si invece nun ce fossero st’impicci

Che te credi che ce se penserebbe?
Si ar monno nun ce fosse er matrimonio,
Ma sai si quanta gente sposerebbe!

XXXIX

Basta, dunque laggiù finiva male,
Quelli je seguitaveno a dà sotto,
Seguitorno le lite, è naturale,
Cominciava a volà quarche cazzotto.

Poi le cose arivorno a un punto tale,
Che lesto e presto fecero un complotto:
– E qui, prima che schioppa er temporale,
Qui, dice, è mejo assai de fà fagotto. –

Defatti, senza tanti complimenti,
S’agguantorno più roba che poteveno,
La caricorno su li bastimenti,

Spalancorno le vele in faccia ar vento;
Ormai tanto la strada la sapeveno,
E ritornorno a casa in d’un momento.

XL

E quello che successe ner ritorno,
Per quanto ch’uno ci ha immaginazione,
Come ce vòi arivà co’ la ragione,
A capì quer che fu quanno sbarcorno?

Ma figurete un po’ come restorno
Tutte quele mijara de persone,
Quanno veddero quela processione
De tutto quanto quello che portorno!

Servaggi incatenati, pappagalli,
Scimmie africane, leoni, liofanti,
Pezzi d’oro accusì, che pe portalli

L’aveveno da mette sur carretto;
Le perle, li rubini, li brillanti
Li portaveno drento ar fazzoletto.

XLI

E lui fu accorto peggio d’un sovrano!
Li re, l’imperatori, le regine,
Te dico, je baciaveno le mano:
Le feste nun aveveno mai fine.

E da pertuttoquanto er monno sano,
Fino ar fine de l’urtimo confine,
Onori… feste… E dopo, piano piano
Cominciorno li triboli e le spine.

Ché l’invidiosi che, percristo, viveno
De veleno, ner vede uno ch’arriva
A fà quello che loro nun ci arriveno,

Je cominciorno come li serpenti,
Mentre che lui nemmanco li capiva,
A intorcinallo ne li tradimenti.

XLII

E lui, quello ch’aveva superato,
Ridenno, li più boja tradimenti
Der mare, de la terra, de li venti,
Coll’omo ce rimase massacrato.

E lui, quello ch’aveva straportato
Li sacchi pieni d’oro a bastimenti,
Fu ridotto a girà pe li conventi,
Cor fijo in braccio, come un affamato!

Er re (che lo ripossino ammazzallo
Dove sta) dopo tanto e tanto bene
Ch’aveva ricevuto, pe straziallo,

Co’ l’antri boja ce faceva a gara.
E dopo aveje messo le catene,
Voleva fallo chiude a la Longara.

XLIII

Ma come? Dopo tanto e tanto bene,
M’avressi da bacià dove cammino,
E invece? Me fai mette le catene?
Me tratti come fossi un assassino?

E tu sei Gasperone… Spadolino…
E che ci avrai, percristo, ne le vene?
Er sangue de le tigre? de le jene!
E che ci avrai ner core? Er travertino?

Ma come?! Dopo tutto quer ch’ho fatto,
Che t’ho scoperto un monno e te l’ho dato,
Mo’ me voi fà passà pure pe matto?

Ma sarai matto tu, brutto impostore,
Vassallo, porco, vile, scellerato;
Viè de fora, che me te magno er core!

XLIV

Cusì j’avrebbe detto a quel’ingrato.
Invece quello, quello ch’era un santo,
Rimase fermo lì, cor core sfranto,
Senz’uno che l’avesse consolato.

E quelli che je s’erano rubato
La scoperta, l’onori, tutto quanto,
Nun je diedero pace, insino a tanto
Che loro non lo veddero schiantato.

Eh, l’omo, tra le granfie der destino,
Diventa tale e quale a un giocarello
Che te capita in mano a un ragazzino:

Che pò esse er più bello che ce sia,
Quando che ci ha giocato un tantinello,
Che fa?, lo rompe, e poi lo butta via.

XLV

E poi semo sur solito argomento,
Ch’hai voja a fà, ma l’omo è sempre quello!
Ponno mutà li tempi, ma er cervello
De l’omaccio ci ha sempre un sentimento.

Ma guarda! Si c’è un omo de talento,
Quanno ch’è vivo, invece de tenello
Su l’artare, lo porteno ar macello,
Dopo more, e je fanno er monumento.

Ma quanno è vivo nu’ lo fate piagne,
E nun je fate inacidije er core,
E lassate li sassi a le montagne.

Tanto la cosa è chiara e manifesta:
Che er monumento serve per chi more?
Ma er monumento serve per chi resta.

XLVI

Basta, adesso bevémese un goccetto
Ché questo ce rimette in allegria.
Ah, questo te ne pòi scolà un carretto
Ché questo mica dice la bucìa.

– E poi der resto, già, l’ho semmpre detto
Che ar monno, se nun ci hai filosofia,
La vita, te lo pòi tenello stretto,
La vita che diventa? Un’angonìa.

Ah, er monno, se capisce, er monno è brutto.
Bévete ’n’antro goccio. Bè che fai?
Vacce piano, nun te lo beve tutto.

Ma piuttosto de beve a ’sta maniera;
Ma dico, dimme un po’, ma tu lo sai,
Si lui, Colombo, proprio de dov’era?

XLVII

– De dov’era? Lo vedi com’è er monno?
Quann’era vivo, ch’era un disgraziato,
Se pò dì che nessuno ci ha badato,
E mo’ che nun c’è più, tutti lo vonno.

Nun fa gnente? Ma intanto te risponno.
Li Francesi ci aveveno provato:
E si loro nun se lo sò rubato,
È proprio, caro mio, perché nun ponno.

Eh, quelli, già, sò sempre d’un paese!
E tutto, poi, perché? Pe la gran boria
De poté dì che quello era francese.

Ma la storia de tutto er monno sano…
Eh, la storia, percristo, è sempre storia!
Cristofero Colombo era italiano.

XLVIII

E l’italiano è stato sempre quello!
E si viè ’n forestiere da lontano,
Sibbè ch’ha visto tutto er monno sano
Si arriva qui s’ha da cavà er cappello.

Qui Tasso, Metastasio, Raffaello,
Fontan de Trevi, er Pincio, er Laterano,
La Rotonna, San Pietro in Vaticano,
Michelangelo, er Dante, Machiavello…

Ma poi nun serve mo’ che t’incomincio
A dilli tutti, tu, si te l’aggusti
Tutti st’omini qui, vattene ar Pincio.

E lì, mica hai da fà tanti misteri:
Ché quelli busti, prima d’esse busti,
Sò stati tutti quanti òmini veri.

XLIX

E che òmini! Sopra ar naturale.
Che er monno ce l’invidia e ce l’ammira!
E l’italiano ci ha quer naturale
Che er talentaccio suo se lo rigira.

Pe ‘n’ipotise; vede uno che tira
Su ‘na làmpena? Fà mente locale
E te dice: sapé, la terra gira.
Ce ripensa e te scopre er canocchiale.

E quell’antro? Te vede ’na ranocchia
Ch’era morta; la tocca co’ ’n zeppetto
E s’accorge che move le ginocchia.

Che fa? Te ce congegna un meccanismo;
A un antro nu’ j’avrebbe fatto effetto,
L’italiano t’inventa er letricismo.

L

Cusì Colombo. Lui cor suo volere,
Seppe convince l’ignoranza artrui.
E come ce ’rivò! Cor suo pensiere!
Ècchela si com’è… Dunque, percui

Risemo sempre lì… Famme er piacere:
Lui perchè la scoprì? Perché era lui.
Si invece fosse stato un forestiere
Che ce scopriva? Li mortacci sui!

Quello invece t’inventa l’incredibile:
Che si poi quello avesse avuto appoggi,
Ma quello avrebbe fatto l’impossibile.

Si ci aveva l’ordegni de marina
Che se troveno adesso ar giorno d’oggi,
Ma quello ne scopriva ’na ventina!

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari, Poesia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...