Guerra…

http://www.guerrenelmondo.it/?page=static1258218333

L’etimologia della parola guerra deriverebbe dal franco ẅerra, o dall’antico germanico werra, in entrambi i casi viene indicato un conflitto che si realizza attraverso una mischia, un viluppo tra un numero più o meno folto di persone. A differenza del latino bellum, ossia un duellum allargato e condotto con schieramenti ordinati, il nuovo termine implicava uno scontro tra due o più fazioni combattuto “alla mescolata”, per dirla con Francesco Guicciardini[1]. In pratica una zuffa estesa.
Secondo la fonte del sito http://www.guerrenelmondo.it, le “zuffe estese” coinvolgono attualmente 65 Stati, per un totale di 659 milizie-guerriglieri e gruppi separatisti coinvolti… La parte del “leone” la fa l’Africa con 27 Stati e 187 tra milizie-guerrigliere, gruppi separatisti e gruppi anarchici, seguita dall’Asia con 16 Stati e 151 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici, senza contare il Medio Oriente, 8 Stati e 219 tra milizie-guerriglieri, gruppi separatisti e gruppi anarchici coinvolti. I dati sono aggiornati al 4 ottobre 2015.
Per avere una visuale d’insieme, che comunque non è aggiornata da sei mesi e non tiene conto dei conflitti interni di alcuni paesi, questa è la mappa fornita da http://www.cimedipace.it:

Mappa conflitti in corso (2015)_S

La verità è che al momento il numero delle guerre esistenti sul nostro pianeta non è e non può essere preciso, visto che non abbiamo una concordanza globale sull’ufficialità o meno di certi contesti in cui si combatte “alla mescolata”. In generale, i media di massa si occupano di quelle che vengono considerate guerre di serie A, mentre le altre, guerriglie o conflitti meno appariscenti, non riescono ad attirare l’attenzione di chi è preposto a fornire le notizie.
E allora tutto il mondo è in guerra, da sempre lo è, non vi sono soltanto i conflitti riconoscibili e ufficiali (ufficiali per chi poi?), molte altre mischie, zuffe, contese avvengono non necessariamente con le armi, ma con metodi diversi, magari meno eclatanti, ma non per questo inferiori in quanto ad efficacia. Non illudiamoci di essere lontani da una guerra solo perché non vediamo due eserciti contrapposti: i morti stramazzati e i morti viventi riempiono le nostre città, le nostre vite, i nostri nuclei familiari, sono l’effetto di una rissa infinita che nasce dall’uomo, dalla sua natura informe, malferma e caotica. Le religioni hanno fallito, non sono riuscite a pacificare e ingentilire l’animo umano, anzi lo hanno surriscaldato viepiù rendendolo ancora più aggressivo, intollerante, maniaco, si sono impiantate per eternizzare se stesse e servirsi delle condizioni miserevoli create a bella posta. Le ideologie, basate su una visione razionale, hanno fallito allo stesso modo delle religioni, con la differenza che almeno hanno avuto il buon gusto di non tirare in ballo le entità sovrannaturali.
Non c’è speranza di vedere la pace, la vera pace nel nostro mondo? Forse un giorno la scienza riuscirà a isolare e correggere quell’anomalia che impesta il DNA del bipede implume e rende il genere umano l’unica forma animale vivente incapace di vivere senza conflitti e senza il piacere di godere dell’altrui sofferenza e morte. Ma la scienza è pur sempre un prodotto della mente umana…
mvg


[1] F. Guicciardini, Storia d’Italia, Lib.1, cap.1, 1540.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Sisohpromatem. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...