Animali estinti: l’uro

Ur-painting

Bos_primigenius_Czaszka_tura

Jaktorow_pomnik_tura

   L’uro (Bos taurus primigenius) è stato il vero antenato dei bovini moderni, più grande (175 cm di altezza media al garrese), con caratteristiche diverse quali il dimorfismo sessuale (i maschi neri con una striscia color grigio più chiaro o marroncina lungo la spina dorsale, le femmine e i vitelli rossastri) e con corna ricurve in avanti a forma di lira. L’aggressività dell’uro era proverbiale e il suo addomesticamento nel corso dei secoli mutò radicalmente le sue abitudini, rendendolo più fragile ed esposto agli attacchi degli umani. Il luogo di origine e di evoluzione degli uri pare sia la regione indiana, circa due milioni di anni fa, da qui i bovini trasmigrarono verso il Medio Oriente, altre regioni dell’Asia, e pervennero nel continente europeo circa 250.000 anni fa. Per più tempo sono stati considerati erroneamente una specie distinta dai moderni bovini europei (Bos taurus), ma una tassonomia più recente ha rivisto questa distinzione facendo derivare le specie europee dall’uro. L’etimologia del nome è tuttora oggetto di indagini, di sicuro viene respinta la derivazione dal tedesco Ur-Ochs, dove Ur significa “originario” e Ochs “bue”. Lo stesso nome scientifico Bos primigenius, traduzione latina dal tedesco, non è considerato corretto dall’ITIS (Integrated Taxonomic Information System), almeno che non venga integrato con Taurus.

   Vissuto in Europa, Africa e Asia, l’uro ridusse considerevolmente il proprio habitat limitandosi, a partire dal XIII secolo d.C., all’area del Nord-Est europeo fino alla Transilvania. Giulio Cesare nel suo De bello Gallico (VI, XXVIII) descrive, oltre alla renna e all’alce, l’uro: « Tertium est genus eorum, qui uri appellantur. Hi sunt magnitudine paulo infra elephantos, specie et colore et figura tauri. Magna vis eorum est et magna velocitas, neque homini neque ferae quam conspexerunt parcunt. Hos studiose foveis captos interficiunt. Hoc se labore durant adulescentes atque hoc genere venationis exercent, et qui plurimos ex his interfecerunt, relatis in publicum cornibus, quae sint testimonio, magnam ferunt laudem. Sed adsuescere ad homines et mansuefieri ne parvuli quidem excepti possunt. Amplitudo cornuum et figura et species multum a nostrorum boum cornibus differt. Haec studiose conquisita ab labris argento circumcludunt atque in amplissimis epulis pro poculis utuntur» (Il terzo genere è di quelli che si chiamano uri. Questi sono per grandezza poco al di sotto degli elefanti, per l’aspetto, il colore e la forma sono tori. La loro forza è grande e grande la velocità, e non risparmiano l’uomo né gli animali che hanno avvistato. [I Germani] li uccidono dopo averli catturati con cura nelle fosse. I giovani si irrobustiscono con questa fatica e con questo genere di caccia; e quelli che hanno abbattuto il maggior numero di uri, portate le loro corna in pubblico a testimonianza dell’impresa, ricevono grandi elogi. Ma neppure se catturati da piccoli si possono abituare all’uomo né essere ammansiti. L’ampiezza, la forma e l’aspetto delle loro corna differiscono molto dalle corna dei nostri buoi. Queste ricercate con cura le cerchiano d’argento all’ orlo e se ne servono come bicchieri in banchetti sontuosissimi).

   L’ultimo avvistamento di un uro, una femmina, risale al 1627 nella foresta di Jaktorów, in Polonia. Il cranio di questo esemplare fu sottratto dall’esercito svedese durante l’invasione svedese della Polonia (1655–1660) ed è ora proprietà del Livrustkammaren di Stoccolma.

© Marco Vignolo Gargini

http://it.wikipedia.org/wiki/Bos_taurus_primigenius

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Scienza. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...