Nike

nike

Nike

Il nostro matrimonio è di marmo. Quando penso alle ere che sono trascorse e hanno attraversato il mio corpo mi ritrovo eternamente viva e sempre appassionata. In te riaffermo il mio destino, lo metto in gioco ancora e ancora, ma non mi pesa saperti mortale: tu partecipi e porgi la mano a questa promessa senza fine. La distanza che ti impietrì all’inizio, la mia apparenza glaciale, s’è disciolta in un abbraccio. Insieme siamo diventati materia palpitante. Mi riportasti il vento caldo o gelido, un altro vento eppure lo stesso accarezzato da mio padre; mi hai ridato la pioggia del cielo caduta, conservata dal mare, riaccolta, restituita di nuovo; cantasti le stagioni, quante e quali, spettatrici dei giochi tragici o comici degli uomini; hai narrato il fuoco dei vulcani, lo scintillio dei fulmini, il bagliore delle esplosioni, le vibrazioni perenni della terra riscaldata dal sole e infreddata dalla notte. Tutto.

Ricordo la tua prima visita, l’agilità giovanile delle gambe che salivano e la sosta emozionata in fondo alla scalinata. Mi riconoscesti. Ero io. Ti conobbi, trasformato dai secoli. L’abito che indossavi non mi era nuovo. Già visto recentemente. Ma il respiro del tuo affanno, l’ammirazione, e gli occhi posati su di me venivano da lontano, molto lontano.

È bastato uno sguardo per intenderci. Ti sono infinitamente grata per l’amore che mi hai dato immediatamente. Credimi, ho anch’io la mia vanità, e sapermi non perfetta nelle mie forme, mutilata dalle angherie del tempo, tolta dalla funzione che avevo e che non posso più permettermi, mi crea angoscia. Sì, sto dicendo la verità, quella verità che nessuno s’aspetterebbe da me e quindi non chiede.

Ho le ali che non mi autorizzano a volare, anzi, mi trattengono con il loro peso. Furono modellate per impedirmi di salire in alto, tuttavia ho squarciato i secoli muovendomi nell’aria della storia. Respiro l’ossigeno, come fai tu, avverto le trasformazioni restando immobilizzata quaggiù…

© Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento, Sisohpromatem. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...