ARTHUR RIMBAUD POESIE XII

Poésies

 

ARTHUR RIMBAUD

POESIE

Traduzione dall’originale in francese Poésies

di Marco Vignolo Gargini

***********************************************************

L’ORGIA PARIGINA

OVVERO

PARIGI SI RIPOPOLA

(L’orgie parisienne

ou

Paris se repeuple)

 

Vigliacchi, eccola! Riversatevi nelle stazioni!

Il sole ripulì coi suoi polmoni ardenti

i viali che una sera i Barbari riempirono.

Ecco la Città santa, seduta in occidente!

 

Su! impediremo il riflusso d’incendio,

ecco i Lungosenna, ecco i viali, ecco

le case sull’azzurro lieve che s’irradia

e che una sera il rossore delle bombe costellarono!

 

Rimpiattate i palazzi morti nelle cucce di tavolati!

L’antica luce sbigottita rinfresca i vostri sguardi.

Ecco la truppa fulva di chi torce le anche:

siate folli, sarete strambi, essendo truci!

 

Mucchio di cagne in fregola che mangiano cataplasmi,

il grido delle magioni auree vi reclama. Volate!

Mangiate! Ecco la notte gioiosa dai profondi spasmi

Che scende per strada. O desolati beoni,

 

trincate! Quando la luce arriva intensa e folle,

frugando accanto a voi i grondanti sfarzi,

voi non gli sbaverete dietro, immobili, muti,

nei vostri boccali, gli occhi persi in pallide lontananze?

 

Tracannate, alla Regina dalle chiappe cascanti!

Ascoltate il lavorio dei rutti stupidi

e laceranti! Ascoltate saltare nelle notti ardenti

gli idioti che farfugliano, i vecchi, i fantocci, i lacchè!

 

O cuori di sudiciume, bocche spaventose,

funzionate con più vigore, bocche di putridume!

Un po’ di vino per questi ignobili torpori, sulle tavole…

I vostri buzzi son colmi di vergogna, o Vincitori!

 

Aprite le vostre narici alle nausee superbe!

Inzuppate di micidiali veleni le corde dei vostri colli!

Sulle nuche infantili abbassando le sue mani in croce

Il Poeta vi dice: “Vigliacchi, siate folli!

 

Perché voi rovistate nel ventre della Donna,

voi temete che ancora lei abbia una convulsione

che gridi, asfissiando la vostra infame nidiata

sul suo petto, in un orribile stretta.

 

Sifilitici, pazzi, buffoni, fantocci, ventriloqui,

che gliene frega a Parigi la puttana,

delle anime, dei corpi, dei veleni e dei cenci vostri?

Tutti voi si scrollerà di dosso, ringhiosi marci?

 

E quando sarete a terra, in gemito sulle vostre budella

sfiancati, reclamando i vostri soldi, sconvolti,

la cortigiana rossa dai seni turgidi di battaglie

lungi dal vostro stupore torcerà i suoi alti pugni!

 

Quando i tuoi piedi hanno ballato sfrenati nell’ira,

Parigi! quando tu hai preso tante coltellate,

quando tu cadesti, trattenendo nelle tue chiare pupille

un po’ della bontà della fulva primavera,

 

o città in dolore, o città quasi morta,

la testa e i due seni scagliati all’Avvenire

che disserra sul tuo pallore miliardi di porte,

città che l’oscuro Passato potrà benedire:

 

corpo rimagnetizzato per le atroci pene,

tu dunque riscoli l’orrida vita! Tu senti

sgorgare il flusso di lividi vermi nelle tue vene,

e sul tuo chiaro amore scorrere le dita glaciali!

 

E non è un male. I vermi, i lividi vermi

non fermeranno più il tuo soffio di Progresso

come le Strigi non spegnevano l’occhio delle Cariatidi

su cui lacrime d’oro astrale scendevano dagli azzurri gradini.”

 

Anche se è orrendo vederti ricoperta

così, anche se non si è mai fatto di una città

ulcera più fetida nella verde Natura,

il Poeta ti dice: “Splendida è la tua Bellezza!”

 

La tempesta ti ha consacrato come suprema poesia;

l’immenso agitarsi di forze ti soccorre;

la tua opera pulsa, la morte ringhia. Città eletta!

Ammassa gli stridori nel cuore della tromba sorda.

 

Il Poeta prenderà il singhiozzo degli Infami,

l’odio dei Forzati, il clamore dei Maledetti;

e i suoi raggi d’amore flagelleranno le Donne.

Le sue strofe balzeranno: Ecco! Ecco! Banditi!

 

– Società, tutto è ristabilito: – le orge

rimpiangono i vecchi rantoli nei vecchi bordelli:

e i gas in delirio, contro i muri insanguinati,

fiammeggiano sinistri verso i ciani scialbi!

 

Maggio 1871

LE MANI DI JEANNE-MARIE

(Les mains de Jeanne-Marie)

 

Jeanne-Marie ha delle mani forti,

mani scure che l’estate ha abbronzato,

mani pallide come mani morte.

– Sono le mani di Juana?

 

Avranno preso le creme brune

sulle pozzanghere delle voluttà?

Si saranno immerse nelle lune

negli stagni della serenità?

 

Avranno bevuto i cieli barbari,

calmi sulle ginocchia avvenenti?

Avranno arrotolato dei sigari

o trafficato dei diamanti?

 

Sui piedi ardenti delle Madonne

avranno fatto appassire i fiori d’oro?

È il sangue nero delle belladonna

che nel loro palmo scoppia e dorme.

 

Mani cacciatrici di ditteri

che fan ronzare i blu

aurorali, verso i nettarii?

Mani che decantano veleni?

 

Oh! che Sogno le ha colte

nelle pandiculazioni?

Un sogno inaudito delle Asie,

di Khenghavàr o di Sion?

 

– Queste mani non hanno venduto arance,

né si sono scurite sui piedi degli dèi:

queste mani non hanno mai lavato le fasce

di pesanti bambinelli senza occhi.

 

Non sono mani di una cugina

né di operaie dalle fronti ampie

che brucia, nei boschi fetidi d’officina,

un sole ebbro di catrame.

 

Sono mani che stendono le schiene,

delle mani che on fanno mai male,

più fatali delle macchine,

più forti di tutto un cavallo!

 

Irrequieta come delle fornaci,

e scrollandosi tutti i suoi brividi,

la loro carne canta le Marsigliesi

e giammai i Kyrie Eleison!

 

Stringerebbero il vostro collo, o donne

malvagie, maciullerebbero le vostre mani,

nobili donne, le vostre mani infami

piene di bianco e di carminio.

 

Il lampo di quelle mani amorose

Torce il cranio delle pecore!

Nelle loro falangi saporose

il gran sole pone un rubino!

 

Una macchia di plebaglia

le fa brune come un seno di ieri;

il dorso di quelle Mani è il posto

che ogni fiero Ribelle baciò!

 

Sono impallidite, meravigliose,

nel gran sole gravido d’amore,

sul bronzo delle mitraglie

attraverso Parigi insorta!

 

Ah! qualche volta, o Mani consacrate,

sui vostri pugni, Mani dove tremano

le nostre labbra che mai perdono l’ebbrezza,

cigola una catena dagli anelli chiari!

 

Ed è uno strano soprassalto

Nel nostro essere, quando, talvolta,

vi si vuole sbiancare, Mani d’angelo,

facendovi sanguinare le dita!

 

LE SUORE DI CARITÀ

(Les sœurs de charité)

 

Il giovane, occhio splendente e pelle scura,

il bel corpo di vent’anni che dovrebbe andar nudo,

e che un Genio ignoto l’avrebbe adorato, in Persia,

la fronte cerchiata di rame, sotto la luna,

 

impetuoso, e con dolcezze virginee e cupe,

fiero dei suoi primi incaponimenti,

simile ai giovani mari, pianti di notte estive,

che si rigirano su letti di diamante;

 

il giovane, davanti alle bruttezze di questo mondo

sobbalza nel suo cuore largamente irritato,

e pieno della ferita eterna e profonda,

si mette a desiderare la sua suora di carità.

 

Ma, o Donna, mucchio di intestini, dolce pietà,

tu non sei mai la Suora di carità, mai,

né sguardo nero, né ventre dove dorme un’ombra rossa,

né dita leggere, né seni splendidamente forgiati.

 

Cieca, mai desta dalle pupille immense,

tutto nostro abbracciarti non è che una domanda:

sei tu che pendi da noi, portatrice di mammelle,

noi ti culliamo, passione incantevole e grave.

 

I tuoi odi, i torpori tuoi fissi, i tuoi deliqui,

e le brutalità sofferte una volta,

tu ci rendi tutto, o Notte senza malanimi però,

come un eccesso di sangue spanto tutti i mesi.

 

« Quando la donna, portata un istante, l’atterrisce,

amore, appello di vita e canzone d’azione,

vengono la Musa verde e la Giustizia ardente

a straziarlo della loro augusta ossessione.

 

Ah! senza sosta assetato di splendori e di calme,

abbandonato dalle due Sorelle implacabili, frigna

con tenerezza dietro la scienza dalle alme braccia,

porta alla natura in fiore la sua fronte in sangue.

 

Ma la nera alchimia e i santi studi

ripugnano al ferito, fosco saggio d’orgoglio;

sente marciare su lui atroci solitudini.

Allora, e sempre bello, senza disgusto della bara,

 

ch’egli creda ai vasti fini, Sogni o Spostamenti

immensi, attraverso le notti di Verità,

e ti chiami nella sua anima e sue membra malate,

o Morte misteriosa, o suora di carità.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Letteratura, Libri, Poesia, Sisohpromatem, Traduzioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...