Lucca in letteratura IV

Dan Brown Inferno

dante andrea del castagno

   Nell’ultimo best seller di Dan Brown, Inferno, la città di Lucca compare non solo come riferimento all’aeroporto di Tassignano nel capitolo 60 (il paese nel comune di Capannori viene citato ancora nel capitolo 67), ma anche nel capitolo 18… solo che la traduzione italiana di Nicoletta Lamberti, Annamaria Raffo, Roberta Scarabelli fa piazza pulita di questo ragguaglio che invece si trova nell’originale:

   “Dante Alighieri,” Langdon began. “This Florentine writer and philosopher lived from 1265 to 1321. In this portrait, as in nearly all depictions, he wears on his head a red cappuccio —a tight-fitting, plaited hood with earflaps—which, along with his crimson Lucca robe, has become the most widely reproduced image of Dante.”

   La versione italiana succitata è questa:

   “Dante Alighieri” aveva cominciato Langdon. “Scrittore e poeta fiorentino, nacque nel 1265 e morì nel 1321. In questo ritratto, come in quasi tutte le immagini che lo raffigurano, indossa una tunica rossa e un copricapo di drappo rosso sopra un’aderente cuffia bianca con bande laterali. È una tra le più frequenti rappresentazioni di Dante.”

   Come potete vedere, la traduzione scombina un po’ di cose: “This Florentine writer and philosopher lived from 1265 to 1321”, ossia “Questo scrittore e filosofo fiorentino visse dal 1265 al 1321”, diventa “Scrittore e poeta fiorentino, nacque nel 1265 e morì nel 1321”; “he wears on his head a red cappuccio —a tight-fitting, plaited hood with earflaps—which, along with his crimson Lucca robe, has become the most widely reproduced image of Dante.” dovrebbe essere tradotto alla lettera “indossa sul capo un cappuccio rosso –un cappuccio aderente e pieghettato con paraorecchie– che, insieme alla sua tunica cremisi in tessuto di Lucca, è divenuto l’immagine riprodotta di Dante più diffusa”, invece le traduttrici Mondadori dimenticano di notificare, come dovrebbe essere prassi di un buon traduttore, il fatto che la parola “cappuccio” compare in italiano nell’originale di Brown e la tunica rossa viene espressamente citata connessa alla città Lucca, dove veniva realizzato quel tipo di tessuto, il più pregiato all’epoca insieme a quello veneziano. Il ritratto di cui parla il protagonista di Inferno, Robert Langdon, è quello celeberrimo di Andrea Del Castagno sito negli Uffizi, e basterebbe un’occhiata alla figura per avere un riscontro della descrizione nel romanzo di Brown. Che dire di questa versione italiana? Mi sono limitato a cogliere solo poche frasi, interessato a cercare Lucca nella letteratura mondiale, ma mi è bastato per ravvisare come lavorano oggi, rispetto a un tempo, i traduttori ingaggiati da case editrici più che importanti…

©Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Cultura, Letteratura, Libri, Sisohpromatem, Traduzioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...