Beppe Grillo – C’era una volta la tv 15

vote grillo

 

grillo for president

I love grillation

 

 

   Oscar Wilde, tanto per cambiare, aveva ragione: la vita e la natura imitano l’arte [1]. Per comprendere dove sarebbe andato a parare Beppe Grillo bastava seguire attentamente sin dagli inizi la sua carriera televisiva. Elementi sintomatici erano stati forniti puntualmente in ognuna delle esibizioni del comico genovese, a partire dalla fatidica data del 23 agosto 1977, quando un ventinovenne cabarettista chiomato e barbuto scoperto da Pippo Baudo esordì in tv sulla Rete 1 della Rai all’interno della trasmissione Videobox. Già in quella occasione Grillo si presentava da solo ma con un autore alle spalle (Antonio Ricci), in più sfoggiava una spiccata ipertrofia dell’Io unita a uno stile oratorio molto esuberante tutto improntato sulla confutazione e la polemica. La cadenza genovese, il timbro vocale da tenore uvulare e la gestualità isterica funzionarono subito attirando molte simpatie. L’apoteosi di questa espressione venne raggiunta in Te la do io l’America!, programma andato in onda sulla Rete 1 dal 28 marzo al 9 maggio 1981, un one-man show in cui il protagonista utilizzava la tecnica del one-vs.all, distinguendosi e proponendosi come portavoce di un paradigma (il modello di comunicazione americano contrapposto alle anticaglie compassate del made in Italy). Erano le prove generali per la futura attività politica, che sarebbe stata man mano enucleata nelle future apparizioni nei Fantastico 6 e 7 (1985-86), al Festival di Sanremo (1988-89), al Beppe Grillo Show (1993) e nei famigerati Discorsi all’Umanità (31 dicembre 1998-99-2000-2001). In tutte queste esibizioni Grillo non è mai stato referente di se stesso, ha sempre avuto un’eminenza grigia che lo indirizzava, fino a giungere alla società Casaleggio Associati di Gianroberto Casaleggio, l’attuale punto di riferimento sia dal punto di vista economico che politico. Nonostante le smentite e le precisazioni [2], senza Casaleggio e la sua azienda di marketing e strategie di rete, Beppe Grillo non avrebbe mai potuto creare un blog di successo e, soprattutto, un Movimento politico come il 5 Stelle. In conclusione, Grillo non ha inventato niente, non ha creato niente, è stato colto in flagrante, utilizzato e distribuito da altri per vendere prodotti (tra questi c’era anche la comicità). Su una cosa siamo tutti d’accordo: dal 1954 pochi artisti televisivi italiani hanno saputo rivelare un talento espressivo e comunicativo come quello di Beppe Grillo, quindi complimenti a Casaleggio che lo ha saputo individuare e adoperare per il suo target rendendo vero ciò che prima apparteneva soltanto alla sfera dell’immaginario. La vita ha ancora una volta imitato l’arte e il comico genovese si dimostra uno degli esempi più funzionanti da questo punto di vista. Grillation del Te la do io l’America! è diventato realtà.

© Marco Vignolo Gargini

[1] https://marteau7927.wordpress.com/2012/12/03/oscar-wilde-la-decadenza-della-menzogna-5/

[2] http://www.corriere.it/politica/12_maggio_30/casaleggio-regole-mov-5-stelle_9e8eca9c-aa1a-11e1-8196-b3ccb09a7f99.shtml

 

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Televisione, Tv. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...