Alberto Sordi (15 giugno 1920 – 24 febbraio 2003)

alberto sordi

Cinematografia di Alberto Sordi

Scipione l’africano, regia di Carmine Gallone (1937)

Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)

La principessa Tarakanova, regia di Mario Soldati (1938)

La notte delle beffe, regia di Carlo Campogalliani (1939)

Cuori nella tormenta, regia di Carlo Campogalliani (1940) (doppiato da Gualtiero De Angelis)

Le signorine della villa accanto, regia di Gian Paolo Rosmino (1941)

Giarabub, regia di Goffredo Alessandrini (1942)

La signorina, regia di László Kish (1942)

I tre aquilotti, regia di Mario Mattoli (1942)

Casanova farebbe così!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)

Sant’Elena, piccola isola, regia di Renato Simoni e Umberto Scarpelli (1943)

Chi l’ha visto?, regia di Goffredo Alessandrini (1943)

Tre ragazze cercano marito, regia di Duilio Coletti (1944)

Circo equestre Za-bum (episodio Galop finale al circo), regia di Mario Mattoli (1944)

L’innocente Casimiro, regia di Carlo Campogalliani (1945)

Le miserie del signor Travet, regia di Mario Soldati (1945)

Il Passatore, regia di Duilio Coletti (1946) (doppiato da Carlo Romano)

Il delitto di Giovanni Episcopo, regia di Alberto Lattuada (1947)

Il vento m’ha cantato una canzone, regia di Camillo Mastrocinque (1947)

Che tempi!, regia di Giorgio Bianchi (1948)

Sotto il sole di Roma, regia di Renato Castellani (1948)

Mamma mia che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951) (anche produzione, soggetto e sceneggiatura)

Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pàstina (1951)

Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)

È arrivato l’accordatore (Zero in amore), regia di Duilio Coletti (1952)

Lo sceicco bianco, regia di Federico Fellini (1952)

Giovinezza, regia di Giorgio Pàstina (1952)

I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)

Canzoni, canzoni, canzoni (episodio Io cerco la Titina), regia di Domenico Paolella (1953) (rieditato nel 1962, con sequenze aggiunte, col titolo Canzoni di ieri, canzoni di oggi, canzoni di domani)

Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953) (voce)

L’incantevole nemica, regia di Claudio Gora (1953) (voce)

Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1953)

Amori di mezzo secolo (episodio Dopoguerra 1920), regia di Mario Chiari (1953)

Un giorno in pretura, regia di Steno (1953) (anche sceneggiatura)

Tempi nostri (episodio Scusi, ma…), regia di Alessandro Blasetti (1954) (episodio mancante nella versione originaria del film, ritrovato e proiettato nel 2004)

Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1954)

Via Padova 46, regia di Giorgio Bianchi (1954) (ritrovato nel 2003 e rieditato con il titolo Lo scocciatore)

Tripoli, bel suol d’amore (conosciuto anche come I quattro bersaglieri), regia di Ferruccio Cerio (1954)

Gran varietà (episodio Fregoli), regia di Domenico Paolella (1954)

Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)

Il seduttore, regia di Franco Rossi (1954)

Accadde al commissariato, regia di Giorgio Simonelli (1954)

Una parigina a Roma, regia di Erich Kobler (1954)

Un americano a Roma, regia di Steno (1954) (anche sceneggiatura)

L’arte di arrangiarsi, regia di Luigi Zampa (1955)

Faccia da mascalzone, regia di Raffaele Andreassi (1955)

Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)

Buonanotte… avvocato!, regia di Giorgio Bianchi (1955) (sceneggiatura)

Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)

La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)

Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955)

Bravissimo, regia di Luigi Filippo D’Amico (1955)

Piccola posta, regia di Steno (1955)

Lo scapolo, regia di Antonio Pietrangeli (1955)

I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)

La città del cinema, regia di Vittorio Sala (1955)

Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1956)

Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)

Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)

Era di venerdì 17, regia di Mario Soldati (1956)

Arrivano i dollari!, regia di Mario Costa (1956)

Souvenir d’Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)

Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi (1957) (anche sceneggiatura)

Addio alle armi (A Farewell to Arms), regia di Charles Vidor (1957)

Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957)

Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1957) (anche sceneggiatura)

Il marito, regia di Nanni Loy e Gianni Puccini (1957) (anche soggetto e sceneggiatura)

Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)

Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958) (sceneggiatura)

La vedova elettrica (Le septième ciel), regia di Raymond Bernard (1958)

Venezia, la luna e tu, regia di Dino Risi (1958)

Racconti d’estate, regia di Gianni Franciolini (1958) (anche sceneggiatura)

Nella città l’inferno, regia di Renato Castellani (1958)

Il giovane leone (Oh, que Mambo!), regia di John Berry (1959)

Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959)

Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)

I magliari, regia di Francesco Rosi (1959)

Vacanze d’inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)

Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)

La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)

Il vedovo, regia di Dino Risi (1959)

Brevi amori a Palma di Majorca, regia di Giorgio Bianchi (1959)

Gastone, regia di Mario Bonnard (1959)

Tutti a casa, regia di Luigi Comencini (1960)

Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)

Crimen, regia di Mario Camerini (1960)

I due nemici, regia di Guy Hamilton (1961)

Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)

Una vita difficile, regia di Dino Risi (1961)

Il commissario, regia di Luigi Comencini (1962)

Mafioso, regia di Alberto Lattuada (1962)

Il diavolo, regia di Gian Luigi Polidoro (1963)

Il boom, regia di Vittorio De Sica (1963)

Il maestro di Vigevano, regia di Elio Petri (1963)

Tentazioni proibite, regia di Osvaldo Civirani (1963)

La mia signora, regia di Tinto Brass, Luigi Comencini e Mauro Bolognini (1964)

Il disco volante, regia di Tinto Brass (1964)

Risate all’italiana, regia di (1964)

I tre volti (episodio Latin lover), regia di Franco Indovina (1965) (anche sceneggiatura)

Quei temerari sulle macchine volanti (Those magnificent men in their flying machines, or: how I flew from London to Paris in 25 hours and 11 minutes), regia di Ken Annakin (1965)

I complessi (episodio Guglielmo il dentone), regia di Luigi Filippo D’Amico (1965) (anche soggetto e sceneggiatura)

Thrilling (episodio L’autostrada del sole), regia di Carlo Lizzani (1965)

Made in Italy (2º episodio del 2º capitolo, La famiglia), regia di Nanni Loy (1965)

Fumo di Londra, regia di Alberto Sordi (1966)

I nostri mariti (episodio Il marito di Roberta), regia di Luigi Filippo D’Amico (1966)

Le fate (episodio Fata Marta), regia di Antonio Pietrangeli (1966)

Scusi, lei è favorevole o contrario?, regia di Alberto Sordi (1966)

Le streghe (episodio Senso civico), regia di Mauro Bolognini (1967)

Un italiano in America, regia di Alberto Sordi (1967)

Il medico della mutua, regia di Luigi Zampa (1968)

Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?, regia di Ettore Scola (1968)

Amore mio aiutami, regia di Alberto Sordi (1969)

Nell’anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)

Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, regia di Luciano Salce (1969)

Contestazione generale (episodio Il prete), regia di Luigi Zampa (1970)

Il presidente del Borgorosso Football Club, regia di Luigi Filippo D’Amico (1970) (anche sceneggiatura)

Le coppie (episodi La camera, anche regia, e Il leone, regia di Vittorio De Sica) (1970)

Detenuto in attesa di giudizio, regia di Nanni Loy (1971)

Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata, regia di Luigi Zampa (1971)

Lo scopone scientifico, regia di Luigi Comencini (1972)

La più bella serata della mia vita, regia di Ettore Scola (1972)

Roma, regia di Federico Fellini (1972) (apparizione non accreditata e in seguito tagliata al montaggio)

Anastasia mio fratello, regia di Steno (1973) (anche sceneggiatura)

Polvere di stelle, regia di Alberto Sordi (1973)

Finché c’è guerra c’è speranza, regia di Alberto Sordi (1974)

Di che segno sei? (episodio Il fuoco), regia di Sergio Corbucci (1975) (anche sceneggiatura)

E il Casanova di Fellini? regia di Gianfranco Angelucci e Liliana Betti (1975)

Un sorriso, uno schiaffo, un bacio in bocca regia di Mario Morra (1975)

Il comune senso del pudore (primo episodio), regia di Alberto Sordi (1976)

Quelle strane occasioni (episodio L’ascensore), regia di Luigi Comencini (1976)

Un borghese piccolo piccolo, regia di Mario Monicelli (1977)

I nuovi mostri (episodi Pronto Soccorso, Come una regina e L’elogio funebre), regia di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977)

Dove vai in vacanza? (episodio Le vacanze intelligenti), regia di Alberto Sordi (1978)

L’ingorgo, regia di Luigi Comencini (1978)

Il testimone (Le témoin), regia di Jean-Pierre Mocky (1978) (anche sceneggiatura)

Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi (1979)

Io e Caterina, regia di Alberto Sordi (1980)

Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)

Io so che tu sai che io so, regia di Alberto Sordi (1982)

In viaggio con papà, regia di Alberto Sordi (1982)

Il tassinaro, regia di Alberto Sordi (1983)

I bersaglieri, regia di Corrado Prisco (1983) – cortometraggio

Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, regia di Mario Monicelli (1984)

Tutti dentro, regia di Alberto Sordi (1984)

Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)

Troppo forte, regia di Carlo Verdone (1985) (anche sceneggiatura)

Un tassinaro a New York, regia di Alberto Sordi (1987)

Una botta di vita, regia di Enrico Oldoini (1989)

L’avaro, regia di Tonino Cervi (1990)

In nome del popolo sovrano, regia di Luigi Magni (1990)

Vacanze di Natale ‘91, regia di Enrico Oldoini (1991) (anche soggetto e sceneggiatura)

Assolto per aver commesso il fatto, regia di Alberto Sordi (1992)

Nestore, l’ultima corsa, regia di Alberto Sordi (1994)

Romanzo di un giovane povero, regia di Ettore Scola (1995)

Incontri proibiti, regia di Alberto Sordi (1998) (ripresentato nel 2002 con diverso montaggio e con il titolo Sposami papà)

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari, Arte, Cinema, Film, Notizie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...