Oscar Wilde – Il ritratto di Dorian Gray 17

Lippincott_doriangray

Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray
Traduzione dall’originale inglese
The Picture of Dorian Gray
di Marco Vignolo Gargini

Capitolo XVII

   Una settimana dopo Dorian Gray stava seduto nella serra a Selby Royal a parlare con la graziosa duchessa di Monmouth, che era tra i suoi ospiti insieme al marito, un uomo di sessant’anni dall’aria spossata. Era l’ora del tè, e la luce soffice dell’enorme lampada coperta di pizzo sul tavolo illuminava le porcellane delicate e l’argento cesellato del servizio a cui la duchessa stava presiedendo. Le sue bianche mani si muovevano con grazia tra le tazze, e le sue labbra carnose e rosse sorridevano a qualcosa che Dorian le aveva sussurrato. Lord Henry era sdraiato in una sedia di vimini foderata di seta e li guardava. Su un divano color pesca sedeva Lady Narborough, fingendo di ascoltare la descrizione del duca dell’ultimo scarabeo brasiliano che aveva aggiunto alla sua collezione. Tre giovani in smoking di pregiata fattura porgevano dei pasticcini ad alcune signore. Al ricevimento c’erano dodici persone e si attendevano altri arrivi il giorno seguente.
   «Di che state parlando?» disse Lord Henry, andando a posare la sua tazza sul tavolo. «Spero che Dorian ti abbia detto del mio progetto di ribattezzare ogni cosa, Gladys. È un’idea deliziosa.»
   «Ma io non voglio essere ribattezzata, Harry» ribatté la duchessa, guardandolo con i suoi meravigliosi occhi. «Sono più che soddisfatta del mio nome, e sono sicura che Mr. Gray sia soddisfatto del suo.»
   «Mia cara Gladys, non cambierei i vostri due nomi per nessuna cosa al mondo. Sono tutti e due perfetti. Pensavo soprattutto ai fiori. Ieri ho colto un’orchidea per il mio occhiello. Era una splendida cosa picchiettata, impressionante come i sette vizi capitali. Ho chiesto senza pensarci a uno dei giardinieri come si chiamava. Mi ha risposto che era un bell’esemplare di Robinsoniana, o una mostruosità del genere. È una triste verità, ma abbiamo perso la facoltà di dare dei bei nomi alle cose. i nomi sono tutto. Non me la prendo mai con le azioni. Me la prendo solo con le parole. Questo è il motivo per cui odio il realismo in letteratura. L’uomo che chiama vanga una vanga dovrebbe essere costretto ad usarne una. È la sola cosa a cui è adatto.»
   «Allora che nome dovremmo darti, Harry?» chiese la duchessa.
   «Il suo nome è Principe Paradosso» disse Dorian.
   «Ce lo vedo al volo» esclamò la duchessa.
   «Non ne voglio sentir parlare» rise Lord Henry, sprofondando nella sedia.
   «Non c’è scampo da un’etichetta! Rifiuto il titolo.»
   «Ai reali non è concesso abdicare» suonò come un avvertimento di labbra graziose.
   «Allora, vuoi che difenda il mio trono?»
   «Sì»
   «Io offro le verità di domani.»
   «Preferisco gli errori di oggi» rispose la duchessa.
   «Mi disarmi, Gladys» esclamò Lord Henry, cogliendo l’intenzione ostinata del suo umore.
   «Del tuo scudo, Harry, non della tua lancia.»
   «Io non attacco mai la bellezza» disse, con un gesto della mano.
   «Questo è il tuo errore, Harry, credimi. Tu sopravvaluti la bellezza.»
   «Come puoi dirlo? Ammetto di pensare che è meglio essere belli che essere buoni. Ma, d’altro canto, nessuno è più pronto di me a riconoscere che è meglio essere buoni che brutti.»
   «Allora, la bruttezza è uno dei sette peccati capitali?» gridò la duchessa. «E che fine fa il tuo paragone con l’orchidea?»
   «La bruttezza è una delle sette virtù capitali, Gladys. Tu, da brava Tory, non devi sottovalutarla. La birra, la Bibbia e le sette virtù capitali hanno reso l’Inghilterra quello che è.»
   «Allora, non ami il tuo paese?» chiese.
   «Ci vivo.»
   «Per poterlo censurare meglio.»
   «Vuoi che riporti il verdetto dell’Europa?» domandò.
   «Che dice di noi?»
   «Che Tartufo è emigrato in Inghilterra e ha aperto un negozio.»
   «È tua, Harry?»
   «Te la regalo.»
   «Non poteri usarla. È troppo vera.»
   «Non avere paura. I nostri compaesani non riconoscono mai una descrizione.»
   «Sono pratici.»
   «Sono più astuti che pratici. Quando tirano il loro bilancio, fanno quadrare la stupidità con la ricchezza, e il vizio con l’ipocrisia.»
   «Tuttavia, abbiamo fatto grandi cose.»
   «Grandi cose ci sono state affidate, Gladys.»
   «Ne abbiamo portato il fardello.»
   «Solo fino alla Borsa.»
   La duchessa scosse il capo. «Io credo nella razza» esclamò.
   «Rappresenta la sopravvivenza di chi va avanti a spintoni.»
   «Ha il suo sviluppo.»
   «La decadenza mi affascina di più.»
   «E l’arte?» chiese lei.
   «È una malattia.»
   «L’amore?»
   «Un’illusione.»
   «La religione?»
   «Il sostituto alla moda della fede.»
   «Sei uno scettico.»
   «Mai! Lo scetticismo è l’inizio della fede.»
   «Cosa sei?»
   «Definire è limitare.»
   «Dammi un filo.»
   «I fili si spezzano. Ti perderesti nel labirinti.»
   «Mi sconcerti. Parliamo di qualcun altro.»
   «Il nostro padrone di casa è un argomento delizioso. Anni fa fu battezzato Principe Azzurro.»
   «Ah! Non me lo ricordare» gridò Dorian Gray.
   «Il nostro padrone di casa stasera è davvero orribile» rispose la duchessa arrossendo. «mi sa che creda che Monmouth mi ha sposato per principi puramente scientifici come l’esemplare migliore di farfalla moderna che poteva trovare.»
   «Bene, spero che non le conficchi degli spilli, duchessa» rise Dorian.
   «Oh! Lo fa già la mia domestica, Mr. Gray, quando ce l’ha con me.»
   «E perché ce l’ha con lei, Duchessa?»
   «Per i motivi più banali, Mr. Gray, glielo assicuro. Di solito perché rientro alle nove meno dieci e le dico che devo esser pronta per le otto e mezzo.»
   «Com’è irragionevole! Dovrebbe darle gli otto giorni.»
   «Non oso, Mr. Gray. Guardi, è lei che crea i miei cappelli. Si ricorda il cappello che indossai al garden-party di Lady Hilstone? Non lo ricorda, ma è carino da parte sua far finta di sì. Bene, lo creò dal nulla. Tutti i bei cappelli sono creati dal nulla.»
   «Come tutte le buone reputazioni, Gladys» interruppe Lord Henry. «Ogni effetto che produciamo ci crea un nemico. Per essere popolare si deve essere una mediocrità.»
   «Non con le donne,» disse la duchessa, scuotendo il capo; «e le donne governano il mondo. Ti assicuro che non possiamo tollerare le mediocrità. Noi donne, come qualcuno dice, amiamo con le orecchie, così come voi uomini amate con gli occhi, ammesso che voi amiate.»
   «Mi sembra che non facciamo altro» mormorò Dorian.
   «Ah! Allora, non amate davvero, Mr. Gray» rispose la duchessa con finta tristezza.
   «Mia cara Gladys!» esclamò Lord Henry. «Come puoi dire questo? La storia d’amore vive di ripetizioni e le ripetizioni convertono un appetite in arte. E poi, ogni volta che uno ama è l’unica che ha mai amato. La diversità dell’oggetto non altera la singolarità della passione. Semplicemente la intensifica. Nella vita possiamo avere solo una grande esperienza al Massimo, e il segreto della vita sta nel riprodurre questa esperienza il più spesso possibile.»
   «Anche quando si è rimasti feriti, Harry?» chiese la duchessa dopo una pausa.
   «Soprattutto quando si è rimasti feriti» rispose Lord Henry.
   La duchessa si voltò a guardare Dorian Gray con una strana espressione negli occhi. «Cosa ne dice lei, Mr. Gray?» domandò.
   Dorian esitò per un momento. Poi tirò indietro il suo capo e rise. «Sono sempre d’accordo con Harry, duchessa.»
   «Anche quando ha torto?»
   «Harry non ha mai torto, duchessa.»
   «E la sua filosofia la rende felice?»
   «Non ho mai cercato la felicità. Chi la vuole? Ho sempre cercato il piacere.»
   «E l’ha trovato, Mr. Gray?»
   «Spesso. Troppo spesso.»
   La duchessa sospirò. «Io sto cercando la pace,» disse, «e se non mi vado a vestire, stasera non l’avrò.»
   «Permetta che le colga qualche orchidea, duchessa» esclamò Dorian, alzandosi in piedi e avviandosi verso la serra.
   «Stai flirtando vergognosamente con lui» disse Lord Henry a sua cugina.
   «Dovresti stare attenta. È molto affascinante.»
   «Se non lo fosse, non ci sarebbe battaglia.»
   «Greco contro greco, allora?»
   «Sto dalla parte dei Troiani. Hanno lottato per una donna.»
   «Furono sconfitti.»
   «Ci sono cose peggiori che essere catturati» rispose.
   «Tu galoppi a briglia sciolta.»
   «Il passo dà la vita» fu la risposte.
   «Lo scriverò nel mio diario stasera.»
   «Cosa?»
   «Che una bambina ustionata ama il fuoco.»
   «Non mi sono nemmeno scottata. Le mie ali sono intatte.»
   «Le usi per tutto, tranne che per volare.»
   «Il coraggio è passato dagli uomini alle donne. È una nuova esperienza per noi.»
   «Hai una rivale.»
   «Chi?»
Lord Henry rise. «Lady Narborough» bisbigliò. «Lei lo adora.»
   «Mi metti in apprensione. L’attrazione per l’antichità è fatale a noi che siamo romantiche.»
   «Romantiche! Voi avete tutti i metodi scientifici.»
   «Gli uomini ci hanno educato.»
   «Ma non ve l’hanno spiegati.»
   «Descrivi il nostro sesso» lo sfidò.
   «Sfingi senza segreti.»
    Lei lo guardò sorridendo. «Com’è lento Mr. Gray!» disse. «Andiamo a dargli una mano. Non gli ho ancora detto il colore del mio vestito.»
   «Ah! Sei tu che devi intonare il tuo vestito ai suoi fiori, Gladys.»
   «Sarebbe una resa prematura.»
   «L’arte romantica comincia al suo culmine.»
   «Devo riservarmi una possibilità di ritirata.»
   «Alla maniera dei Parti?»
   «Loro trovarono la salvezza nel deserto. Io non potrei farlo.»
   «Alle donne non è sempre concessa una scelta» rispose, ma non aveva ancora finito la frase che dall’estremità della serra giunse un lamento soffocato, seguito dal suono sordo di un tonfo. Tutti balzarono in piedi. La duchessa rimase impietrita dal terrore. E con la paura negli occhi Lord Henry si precipitò tra le palme ondeggianti per trovare Dorian Gray svenuto, come se fosse morto, steso sulle mattonelle del pavimento.
   Fu trasportato subito nel salotto azzurro e adagiato su un sofà. Dopo poco riprese conoscenza e si guardò intorno con un’espressione stordita.
   «Cosa è successo?» chiese. «Oh! Ricordo. Sono al sicuro qui, Harry?» e cominciò a tremare.
   «Mio caro Dorian,» rispose Lord Henry, «sei soltanto svenuto. Tutto qui. Ti d evi essere stancato troppo. Faresti meglio a non scendere per cena. Prenderò io il tuo posto.»
   «No, verrò» disse, cercando di rimettersi in piedi. «Preferisco venire. Non devo restare solo.»
   Andò nella sua camera e si vestì. Nel suo comportamento a tavola c’era un’allegria sfrenata, ma ogni tanto un brivido di terrore lo scuoteva quando ricordava che, schiacciata contro la vetrata della serra, come un fazzoletto bianco, aveva visto la faccia di James Vane.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Letteratura, Libri, Sisohpromatem, Traduzioni, Wilde. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...