Hachikō (ハチ公) (10 novembre 1923 – 8 marzo 1935)

忠犬ハチ公-国立科学博物館剥製

fonte: 日:Muramasaによる撮影

Hachiko

hachiko shibuyactbrtl8ukaaq570hachiko_funeralHachikō Waitinghachiko statue

   Raramente vengono assegnati onori e pagine sui libri di storia alle creature che da sempre accompagnano l’uomo e lo seguono cadendo vittime della sventura da lui ordita. Eppure, quanti esempi straordinari di animali che hanno lasciato un esempio di “umanità” a noi che ne siamo spesso così privi…

   Chūken Hachikō era una cane di razza Akita nato in una fattoria vicino a Ōdate, nella regione Tōhoku del Giappone, e a due mesi fu adottato da Hidesaburō Ueno, agronomo e docente presso l’Università Imperiale di Tokyo. Il nome Hachikō deriva da Hachi, che in giapponese significa “otto” (il numero occupato nella lettiera dei cuccioli dopo la nascita), più il suffisso “kō” usato come vezzeggiativo. Hachikō aveva preso l’abitudine di accompagnare alla stazione di Shibuya Hidesaburō Ueno, che prendeva il treno per andare all’Università, e di aspettarlo alle cinque del pomeriggio, quando il docente tornava. Il 21 maggio 1925 Hidesaburō Ueno morì d’ictus durante una lezione e Hachikō attese invano il suo ritorno. Da quel giorno il cane si presentò come sempre alla stazione di Shibuya e così fece fino alla sua morte, avvenuta l’8 marzo 1935 per filiriasi. Uno studente del professor Ueno vide Hachikō alla stazione di Shibuya, lo seguì fino alla casa di Kikuzaboro Kobayashi, il vecchio giardiniere di Ueno, e lì apprese la storia del cane. Questo servì per uno studio e un censimento della razza Akita in Giappone. Intanto Hachikō fu accudito e nutrito durante la sua attesa dal capostazione e dai passeggeri, commossi nel vedere questa creatura che fissava lo sguardo alla ricerca del padrone che non sarebbe più tornato. Nel 1934 lo scultore Teru Ando realizzò una statua di bronzo che raffigurava Hachikō e nel corso di un’inaugurazione ufficiale, alla presenza del cane, questa statua fu posta all’ingresso della stazione di Shibuya, dove rimase fino alla seconda guerra mondiale, quando il bronzo della scultura fu fuso per esigenze belliche. Nel 1948 Takeshi Ando, figlio di Teru, si occupò della realizzazione di una seconda statua, che fu eretta nell’agosto dello stesso anno e tutt’oggi campeggia nella “Hachikō-guchi”, l’entrata di Hachikō alla stazione di Shibuya. Ogni 8 aprile si tiene una cerimonia per ricordare la fedeltà di Hachikō proprio davanti alla statua e numerosi turisti rendono omaggio alla memoria di questo straordinario esempio di devozione. Un’altra statua è stata posta a Odate, luogo di nascita del cane. La storia di Hachikō ha fatto il giro del mondo, non si contano più i tributi, due film sono stati realizzati, nel 1987 Hachikō monogatari del regista giapponese Seijirō Kōyama e nel 2009 Hachiko: A Dog’s Story, di produzione americana con protagonista Richard Gere e regista Lasse Hallström.

   Il corpo di Hachikō è stato imbalsamato e adesso si trova al Museo Nazionale di Natura e Scienza di Shibuya, a nordovest della stazione, mentre alcune sue ossa sono state inumate nel cimitero di Aoyama, accanto alla tomba di Hidesaburō Ueno.

© Marco Vignolo Gargini

http://www.berfrois.com/2011/09/aaron-herald-skabelund-hachiko/

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari, Film, Storia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...