Walter Chiari (8 marzo 1924 – 20 dicembre 1991)

magnani chiari

   chiari rascel beckett

   Walter Annichiarico, di origini pugliesi (il padre Carmelo era di Grottaglie, in provincia di Taranto), nacque a Verona e a tre anni si trasferì con la famiglia a Milano. Sin da giovane manifestò una certa propensione per le attività sportive, vincendo i campionati di nuoto della Gioventù Italiana del  Littorio, diventando campione lombardo di pugilato nel 1939 nella categoria pesi piuma e praticando tennis, calcio, bocce. Smise di studiare e fu radiotecnico, impiegato in banca, apprendista giornalista, caricaturista. Si arruolò nella Decima Mas, partecipò ai combattimenti seguiti allo sbarco in Normandia e dopo la Liberazione fu prigioniero nel campo di Coltano (PI). La sua carriera attoriale ebbe inizio per caso, i suoi sketch, l’imitazione di Hitler (che gli costò il posto in banca) e la sua proverbiale capacità affabulatoria lo portarono ad avvicinarsi al mondo del teatro, soprattutto nella rivista. Mosse i primi passi nel cinema esordendo nel 1946 con un ruolo drammatico nel film Vanità, regia di Giorgio Pastina, fino ad arrivare al mitico Bellissima di Luchino Visconti, in cui recitò a fianco di Anna Magnani. L’aver appreso la lingua inglese lo agevolò anche all’estero: nel 1957 gira insieme ad Ava Gardner, David Niven e Stewart Granger il film The Little Hut, e fu questa l’occasione per offrirgli un ingaggio a Broadway, dove fu protagonista nel 1961 di un musical, The Gay Life. Ma è con la televisione che Walter Chiari trovò un mezzo a lui congeniale per esprimersi e dimostrare tutto il suo talento. Spettacoli di varietà, esibizioni, riproposizioni degli sketch teatrali (tra cui il famoso “Sarchiapone”) e la straordinaria abilità di raccontare le barzellette facendole diventare dei veri monologhi che superavano in complessità e durata i classici racconti stile Carlo Dapporto o Gino Bramieri. La carriera di Chiari ebbe numerosi momenti di stop, tra tutti quello del 1970, quando fu arrestato per una vicenda di spaccio di stupefacenti, da cui fu prosciolto dopo aver scontato 70 giorni di carcere. Tra qualche ritorno in tv e rare apparizioni cinematografiche, nel 1986, in occasione delle celebrazioni per “Firenze Capitale europea della cultura”, l’attore veronese fu protagonista di una performance insieme a Renato Rascel che fece epoca, la messa in scena di Finale di partita (Fin de partie) di Samuel Beckett per la regia di Giuseppe Di Leva. La scomparsa di Walter Chiari, avvenuta il 20 dicembre 1991, ha privato tutto il mondo dello spettacolo italiano di un grande artista, unico nel suo genere, impareggiabile, inaugurando così la successiva epoca di vacche magre (che tuttora continua), ossia di guitti senza talento, di cabarettisti afasici, di attori brutti e poco intelligenti, di improvvisatori del nulla…

© Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...