Videomusic – C’era una volta la tv 8

videomusic

   Nella notte tra l’1 e il 2 aprile 1984 in Italia nacque Videomusic la prima emittente europea tutta dedicata ai videoclip musicali, fondata da Pier Luigi Stefani e Marialina Marcucci sulla falsariga dell’americana MTV. Le frequenze dell’antica Elefante Tv, all’interno del complesso “Il Ciocco” di Barga (LU), ospitarono il nuovo palinsesto trasmettendo come primo video All Night Long di Lionel Richie. Il logo, una M verde con al suo interno la scritta “Video”, fu disegnato da Graziano Gregori (disegnatore, scenografo di fama mondiale) e la scenografia ideata e realizzata da Bruno Rubeo, che lavorò anche con Oliver Stone e fu candidato all’Oscar nel 1989 per A spasso con Daisy di Bruce Beresford.

    Videomusic seppe sfruttare l’epoca d’oro dei video musicali, il 1984 poi fu un susseguirsi di nuove uscite, dai Queen di Radio Ga Ga e I want to break free, ai Duran Duran di Wild Boys e The Reflex, agli Spandau Ballet di Only When You Leave e I’ll Fly for You, agli Alphaville di Forever Young e Sounds Like a Melody, e molti altri ancora. I video venivano trasmessi a rotazione 24 ore su 24intervallati da qualche programma in studio, interviste, informazioni musicali ecc.. All’inizio i conduttori erano Tiziana Cappetti, Clive Griffiths, Rick Hutton e Johnny Parker, in seguito si aggiunsero altri che divennero famosi, come Marco Baldini. I programmi all’interno di Videomusic si intensificarono: Blue night, Caos time, Hot line, On the air, Rapido, Rock revolution e molti altri. L’emittente iniziò a trasmettere concerti dal vivo di artisti italiani e stranieri, da David Bowie, Jethro Tull a Franco Battiato e i CCCP Fedeli alla linea. Negli anni ’90 Videomusic ebbe anche un suo telegiornale VMGiornale diretto da Daniela Brancati e poi da Tana De Zulueta. Nel 1995 Vittorio Cecchi Gori acquistò l’emittente dalla famiglia Marcucci e fu l’inizio della fine: la natura musicale e prettamente giovanile di Videomusic si sfaldò poco alla volta, furono trasmessi film e telefilm e nel 1996 la programmazione di Videomusic fu dimezzata per creare TMC2, la seconda rete di TeleMontecarlo comprata da Cecchi Gori. Il 1997 fu l’anno della fine di Videomusic, inteso come logo e nome dell’emittente. Tredici anni di trasmissioni, esperimenti, ottima qualità e innovazione furono spazzati via da una logica francamente assurda e anche poco perspicace. Gli undici bellissimi anni della gestione Marcucci restano nei ricordi dei ragazzi degli anni ’80 come riferimento, come appartenenza a una generazione che viveva una nuova multimedialità e si sentiva rappresentata da questa emittente. Detto tra noi, con la chiusura di Videomusic gli spazi per la cultura giovanile in tv si sono sempre più ridotti e i ragazzi sono dovuti migrare sul web…

© Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Televisione, Tv. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Videomusic – C’era una volta la tv 8

  1. dael72 ha detto:

    … non solo. Finita Videomusic ed iniziata l’era di MTV la cultura giovanile italiana è divenuta uno scimmiottamento di quella americana…

  2. condivido in pieno e aggiungo, uno scimmiottamento della parte peggiore della cultura giovanile americana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...