Teomondo Scrofalo is back!

Teomondo Scrofalo

   Torna dopo più di vent’anni Teomondo Scrofalo, il fantomatico pittore dell’Asta Tosta, all’interno della trasmissione Drive In (1983-1988), immortalato da Ezio Greggio per aver realizzato un quadro di pessima fattura (non uso di proposito il termine kitsch…) che raffigurava un vecchio contadino con cappellaccio e bicchiere di vino in mano. Il quadro veniva presentato a ogni puntata con un nome diverso, ma il soggetto era sempre lo stesso. In occasione del film Box Office 3D – Il film dei film, in uscita proprio oggi nei cinema, Ezio Greggio autore, regista e interprete della pellicola, fa la parodia de Il codice Da Vinci, che diventa Il Codice Teomondo Scrofalo. Non mi interessa recensire il film, dire se è riuscito o meno, ma ricordare questo vecchio sketch che rispolverava una vecchia riproduzione di un quadro presente in molte case e osterie ben prima della trasmissione Drive In. La bruttezza paradigmatica del soggetto fece discutere molto all’epoca, al di là dell’effetto comico che suscitava, e ci fu chi sostenne che l’opera mostrata in tv era un Cezanne degradato (la tesi secondo cui lo spunto fosse Le Buveur del pittore di Aix-en-Provence convince molto poco sia sul piano stilistico che su quello puramente referenziale… casomai più vicino alla “crosta” presentata da Greggio mi sembra l’altro Le Buveur, un dipinto del 1911 di Louis Charlot). Al di là delle attribuzioni, fa sorridere come questioni di così poco conto diventino una “scrofalata” aprendo dibattiti piuttosto risibili (e poi dicono che la Filosofia non è più in grado di creare dei sistemi, delle visioni del mondo…), così come l’altro esempio di Tafazzi, il personaggio televisivo di Giacomo Poretti apparso in tv negli anni ’90 e associato a un certo atteggiamento masochistico  diffuso nella sinistra italiana… Sì, il merito di Teomondo Scrofalo sta proprio nell’aver dimostrato ciò che affermò nel 1994 al Maurizio Costanzo Show Carmelo Bene (diranno i miei quattro lettori: ancora lui!): «Qualunque tuttologia è cazzata e qualunque problema è un falso problema. Per una volta tanto in questa trasmissione si sta parlando davvero di cazzate, finalmente! Era l’ora di riconoscere che si parla sempre di cazzate. Questa sera stiamo dicendo che non stasera son cazzate, ma che sempre si parla soltanto di parole, cioè di cazzate… senza che si offenda il fallo». Il guaio è che qualcuno viene pagato, e anche molto bene, per dire cazzate, mentre io… sparo cazzate gratis (perlomeno non sottraggo risorse allo Stato o ai privati…).

© Marco Vignolo Gargini

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Carmelo Bene, Cinema, Intrattenimento, Televisione, Tv. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...