Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa…

   Vengono ancora alla mente le parole di Orson Welles nell’episodio La ricotta del film Rogopag, girato nel 1962 e diretto da Pier Paolo Pasolini, parole che suonano di un’attualità sconcertante… che cos’è oggi la società italiana se non “Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa”? Popolo analfabeta, di ritorno, che non legge, ma scrive tanto e male; va a votare candidati scelti da una cupola oligarchica e li scambia per politici; si infiamma per gli omicidi della cronaca che la tv monta ad arte per esasperare una primitiva morbosità; consuma prodotti che la deprogrammazione cerebrale dei mass-media consiglia, istiga, impone; usa la sessualità propria e degli altri per non venirne mai a capo, salvo confonderla con la conservazione della specie (e così fa contenti gli stregoni laici e confessionali uniti da un fine comune, la conservazione di se stessi). La borghesia più ignorante d’Europa, perché non ha mai superato se stessa, sebbene abbia studiato, si sia diplomata e laureata; si è fatta rincitrullire dall’istruzione di Stato, un coacervo di programmi ministeriali demenziali che altrettanto demenziali ufficiali, detti docenti, sbrogliano alla meno peggio; ogni tanto s’è concessa lo svago della rivolta perché aveva in uggia il papà, questo tiranno da operetta che ormai non contava più niente, ed è poi diventata peggio del papà che contestava occupando tutti i posti e distruggendo le generazioni a venire; ha accumulato e diffuso una massa infinita di informazioni inutili spacciate per “cultura”, perché in fondo ha sempre disprezzato la cultura come Goebbels (che almeno aveva il buon gusto di dirlo!)…

   Sì, in una cosa l’Italia s’è ritrovata unita: nella costruzione dell’uomo medio, il delinquente delineato dalle parole di Pasolini recitate da Welles. No, niente a che vedere con la figura mitica del criminale che Nietzsche ha saputo cogliere nell’analisi delle opere di Dostoevskij, ma il semplice delinquente che evade le tasse, sfrutta la cosa pubblica, si impadronisce delle risorse per ingrassare mafiosamente sé, i propri familiari, i compari (se non li fa fuori per sopraggiunte psicosi), e impartisce ai discendenti lezioni di pressappochismo, di menefreghismo, di opportunismo… un’Italia unita che ha saputo fondere il popolo più analfabeta con la borghesia più ignorante generando l’uomo medio…

M.V.G.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Pier Paolo Pasolini. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa…

  1. Pingback: Fazzi-Tambellini , il confronto | Sisohpromatem (Marco Vignolo Gargini)

  2. I’m veryy pleased to discover this great site. I wanted to thank you for your
    time for this particularly wonderful read!! I definitely really liked evvery biit of it
    andd I have you book-marked to look at new things in your site. http://internationalreferencesystems.com/?option=com_k2&view=itemlist&task=user&id=818072

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...