Ennesimo raid fascista a Lucca

(fonte NOI TV, http://www.noitv.it/notizie/2009/NL129860)

(fonte http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2009/21-marzo-2009/scritte-fasciste-sede-arci-lucca-1501107589281.shtml

2

Questa notte ennesimo raid fascista contro la sede dell’ARCI di Lucca in via Santa Gemma Galgani, con scritte sulla porta d’ingresso, vetri e l’intera corte sulla quale si affaccia la sede. I “soliti noti” hanno scorrazzato ancora tranquillamente per la città, indisturbati, con bombolette spray per esprimere tutta la loro arroganza e “avvertire” chi li ha denunciati e portati in un’aula di tribunale per violenze commesse da troppi anni a questa parte. L’elenco delle bravate di costoro è ormai infinito, non ci sono solo le scritte e il deturpamento dei muri della città, ci sono anche minacce fisiche fatte a varie persone, auto danneggiate, assalti squadristi, pestaggi, ecc..

Questo è l’effetto di anni di lassismo da parte delle istituzioni locali, ree di aver legittimato eventi che inneggiano incostituzionalmente al PNF e al Terzo Reich. Se da una parte sono in corso processi contro i responsabili delle violenze di stampo nazi-fascista, dall’altra ci sono l’indifferenza di troppe persone, la tolleranza e addirittura la concessione di spazi elargiti dai politici e dalla stampa, che in nome della libertà d’informazione ha pubblicato vergognosi comunicati per promuovere eventi a difesa di gruppi eversivi in cui veniva attaccata la magistratura. “Il silenzio è connivenza”, si disse qualche anno fa a Lucca in una manifestazione (6 settembre 2003) di solidarietà nei confronti della libreria Baroni, la cui vetrina fu imbrattata e poi fracassata in seguito a una serie di presentazioni di libri a tematica GLBT. La terza foto messa su questo post risale a quell’episodio. Sono passati anni e di fronte all’impegno dei comitati antifascisti e delle singole persone il resto della cittadinanza latita o ha paura. Grazie al silenzio connivente di questa cittadinanza può prosperare la violenza di un manipolo di esagitati che inneggiano a una visione antiumana bocciata dalla storia.

M.V.G.

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...