Congo: la guerra dimenticata

Congo

Sulle prime pagine dei giornali italiani non c’è praticamente traccia, i telegiornali si occupano d’altro, i “pacifisti” non scendono in strada per manifestare, eppure da dieci anni a questa parte c’è un paese nel mondo in cui sono morte più di tre milioni di persone a causa di un conflitto, e le cifre non hanno nemmeno il crisma dell’ufficialità. È il Congo questo paese, fino al 1997 si chiamava Zaire (nome dato da Mobutu nel 1971), e prima ancora era noto come Congo Belga, essendo stato colonia belga fino al 1960, anno dell’indipendenza. La guerra decennale che sta insanguinando il Congo ha inizio dalla destituzione di Mobutu, a capo di una dittatura dal 1965 al 1997, e adesso è tornata ad acuirsi nella zona del Nord Kivu: le cronache degli ultimi giorni parlano di centinaia di migliaia di sfollati, di strade piene di cadaveri, di bambini trucidati o arruolati negli eserciti mercenari. L’ONU è presente con una sua missione dal 2003, quando furono inviati 10.800 caschi blu, ma la situazione, a quanto pare, è nuovamente degenerata, e quello che lascia sgomenti è l’indifferenza planetaria di fronte a questa carneficina, la più grande dopo la fine del secondo conflitto mondiale. Il Congo, evidentemente, non è in cima alle agende dei capi di Stato che contano, soltanto Benedetto XVI nella preghiera dell’Angelus dello scorso 9 novembre ha parlato dell’argomento. Eppure, in questo deserto massmediatico, sono consultabili su web, per esempio, i bellissimi articoli dell’inviato de La Stampa Domenico Quirico e le pagine dell’UNICEF dedicate al conflitto. Credo di fare cosa gradita offrendo dei link a chi desidera conoscere qualcosa di questa guerra dimenticata… deliberatamente dimenticata.

© Marco Vignolo Gargini

http://www.zammerumaskil.com/catechesi/angelus-benedetto-xvi/angelus-9-novembre-2008.html

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200811articoli/38048girata.asp

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200811articoli/37996girata.asp

http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/esteri/congo-goma/congo-8nov/congo-8nov.html

http://www.unicef.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/312

http://www.unicef.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4300

Informazioni su Marco Vignolo Gargini

Marco Vignolo Gargini, nato a Lucca il 4 luglio 1964, laureato in Filosofia (indirizzo estetico) presso l’Università degli Studi di Pisa. Lavora dal 1986 in qualità di attore e regista in rappresentazioni di vario genere: teatro, spettacoli multimediali, opere radiofoniche, letture in pubblico. Consulente filosofico e operatore culturale, ha scritto numerose opere di narrativa tra cui i romanzi "Bela Lugosi è morto", Fazi editore 2000 e "Il sorriso di Atlantide", Prospettiva editrice 2003, i saggi "Oscar Wilde – Il critico artista", Prospettiva editrice 2007 e "Calciodangolo", Prospettiva editrice 2013, nel 2014 ha pubblicato insieme ad Andrea Giannasi "La Guerra a Lucca. 8 settembre 1943 - 5 settembre 1944", per i tipi di Tra le righe libri, nel 2016 è uscito il suo "Paragrafo 175- La memoria corta del 27 gennaio", per i tipi di Tra le righe libri; è traduttore di oltre una trentina di testi da autori come Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. Nel 2005 il suo articolo "Le poète de sept ans" è stato incluso nel 2° numero interamente dedicato a Arthur Rimbaud sulla rivista Cahiers de littérature française, nata dalla collaborazione tra il Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle della Università della Sorbona di Parigi e l’Università di Bergamo. È stato Presidente dell’Associazione Culturale “Cesare Viviani” di Lucca. Molte sue opere sono presenti sul sito www.romanzieri.com. Il suo blog è https://marteau7927.wordpress.com/ ****************** Marco Vignolo Gargini, born in Lucca July 4, 1964, with a degree in Philosophy (Aesthetic) at the University of Pisa. He works since 1986 as an actor and director in representations of various kinds: theater, multimedia shows, radio plays, readings in public. Philosophical counselor and cultural worker, has written numerous works of fiction, including the novels "Bela Lugosi è morto", Fazi Editore 2000 and "Il sorriso di Atlantide," Prospettiva editrice 2003, essays "Oscar Wilde - Il critico artista," Prospettiva editrice in 2007 and "Calciodangolo" Prospettiva editrice in 2013, in 2014 he published together with Andrea Giannasi "La guerra a Lucca. September 8, 1943 - September 5, 1944," for the types of Tra le righe libri, in 2016 he published "Paragrafo 175 - La memoria corta del 27 gennaio", for the types of Tra le righe libri; He's translator of more than thirty texts by authors such as Poe, Rimbaud, Shakespeare, Wilde. In 2005 his article "The poète de sept ans" was included in the 2nd issue entirely dedicated to Arthur Rimbaud in the journal "Cahiers de littérature française II", a collaboration between the Centre de recherche sur la littérature français du XIX siècle the Sorbonne University Paris and the University of Bergamo. He was President of the Cultural Association "Cesare Viviani" of Lucca. Many of his works are on the site www.romanzieri.com. His blog is https://marteau7927.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...